Poesia “Le tre caravelle” di Giuseppe Fanciulli.

Filastrocca per bambini.

Poesia di   Giuseppe Fanciulli  (Firenze 1881- Castelveccana 1951) dedicata a Cristoforo Colombo ed alla scoperta dell’America.  

———————————————

“Le tre caravelle”

Sul mare azzurro tre caravelle
filano lente sotto le stelle.
Vengon da un porto molto lontano:
le guida intrepido un italiano.
Cercano terra di là dal mare
da tanto tempo e nulla appare.
Nulla si vede
la ciurma è stanca.
Nulla si vede
la lena manca.
Sopra la tolda sol l’italiano,                                                                                                                                                                                                                                                                                   
solo Colombo guarda lontano,                                                                                                                                                                                                                                                                                      e spera e prega con tanto ardore                                                                                                                                                                                                                                                                                  che l’esaudisca buono il Signore.                                                                                                                                                                                                                                                                                “Terra!” si grida.
Eccola, appare sul far del giorno
bruna sul mare.
Quel dì la terra nuova toccò
Colombo, e a Dio la consacrò.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                        ———————————————————–                                                                                                                                                                                                                                               Giuseppe Fanciulli pedagogista, scrittore ed autore di libri per l’infanzia. Noto anche con lo pseudonimo di Mastro Sapone. Nel 1940 scrisse per la S.E.I. “L’eroica vita di Italo Balbo” narrata ai giovani. Nel 1941 scrisse una biografia del salesiano  Don Giovanni Bosco.

Giuseppe-Fanciulli

——————————————————- 

Redattore dal 1906 al 1911  del Giornalino della Domenica settimanale per  ragazzi fondato nel 1906 da Luigi Bertelli alias Vamba. Sul settimanale scrissero tra gli altri Antonio Beltramelli, Luigi Capuana, Edmondo De Amicis, Grazia Deledda, Ada Negri, Emilio Salgari.   

Infine direttore del settimanale dalla morte di Vamba avvenuta nel 1920 sino  al 1924.

FANCIULLI-Il_Giornalino_della_Domenica_Firenze_24_giugno_1906.Copertina
Copia del 24 giugno 1906

——————————————————-

La poesia divenne una riuscitissima filastrocca che veniva insegnata alle elementari ai bambini che la impararono a memoria.

Qui recitata in un filmato di Fatina Birikina    

——————————————————                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                          

Informazioni su Bruno Aloi 955 Articoli
Bruno Aloi. Nato a Genova nel 1941, si diploma nel 1960 presso l'Istituto Tecnico Nautico San Giorgio di Genova. Nel 1966 consegue il titolo professionale di Capitano di Lungo Corso. Laureato in Lettere con la tesi "I Liguri nella Gallia meridionale". Molteplici sono i momenti che segnano il percorso di Bruno Aloi, da ufficiale di coperta agli incarichi in diverse specializzazioni formative (corsi di sopravvivenza, mezzi di salvataggio, antincendio di base ed avanzato, corso superiore radar, familiarizzazione navi chimiche, ) fino all'abilitazione a comandante Certificazione S.T.C.W. 1978/95 rilasciato il 28/1/2002. Particolarmente significativa è la sua attività in campo culturale, per un decennio soprintende alla promozione delle grotte di Borgio Verezzi come presidente del Gruppo Grotte Borgio Verezzi. Nell'ambito delle esplorazioni ipogee visita il Marocco, l'Algeria e la Siria su invito del Ministro del Turismo Siriano. Socio onorario dello Speleo Club de l'Aude et de l'Ariège (Francia). In qualità di Presidente dell'Associazione per il Recupero del Genovesato, Bruno Aloi promuove nel 1986 la riapertura dei forti genovesi Sperone e Begato, con eventi di spettacolo, mentre partecipa all'iniziativa "Artisti per il Centro Storico" (1990). Premio Regionale Ligure 1987. Premio "Gente di Mare" 2002. Viareggio. Socio onorario della Società Nazionale di Salvamento. Tra le altre cariche assunte, lo ricordiamo presidente di Al Sham, associazione per le relazioni tra Italia e Siria contibuendo al gemellaggio della città di Genova con la città di Latakia (l'antica Laodicea). Giornalista pubblicista dal 14/6/1989 iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti Roma Tessera N. 170551.. Presidente del Comitato Nazionale per Colombo.

Commenta per primo

Lascia un commento