Cimitero Cristóbal Colón – Havana, Cuba

Cementerio Necropolis Colón en la Habana

particolare del monumento ai bomberos

Cimitero Cristóbal Colón dell’Havana, Cuba.

Cristoforo Colombo definì Cuba “la terra più bella che mai occhi umani videro”.

E Cuba ha ricambiato la gentilezza intitolandogli il cimitero più importante di Cuba, quello dell’Avana.

Costruito tra il 1871 e il 1886, è stato progettato dall’architetto spagnolo Calixto Arellano de Loira originario della Galizia.  

Con i suoi 56 ettari è il Cimitero più grande d’America ed è un po’ lo specchio dei cubani. 

Il senso della morte è sostituito  da immagini di vita, voci di bimbi e delle loro madri, da tavole imbandite sulle tombe dei propri cari .

Una città  nella città, con ampi viali percorribili in auto.  

Opere di architettura che  umanizzano il distacco sociale anche tra i morti, con tombe dei meno abbienti e mausolei e grandi statue che denotano sfarzo ma anche sacralità e bellezza. Il marmo di Carrara che impera in ogni lato e che si estende a vista d’occhio rendendo scorci sfarzosi di questo Cimitero  che è un’opera d’arte.

Pochi i fiori  sulle tombe, ma soprattutto viali  di palme e altre piante tropicali che permettono di ripararsi dal sole cocednte dei Caraibi.

Tra le tombe più  conosciute vi è l’imponente Monumento a los bomberos. Venne costruito per commemorare i 28 pompieri morti nel 1890 durante l’incendio di un negozio di ferramenta nell’Habana Vieja.  E poi la tomba più visitata, la Milagrosa (la Miracolosa) dove riposano i resti di una giovane donna, Amelia Goryi de Hoz, sepolta insieme al suo bambino, posto ai suoi piedi. La leggenda vuole che una volta riaperta la tomba il bimbo sia stato trovato tra le braccia della madre Amelia. Da allora il mito popolare ne ha fatto l’emblema dell’eterna speranza ed è continua meta di pellegrinaggi..

CIMITERO-sullarco-dennentrata-fede-speranza-carità
Complesso marmoreo “Fede, speranza e carità” posto sull’arco d’entrata al Cimitero Colón

 

CIMITERO-sullarco-dennentrata-fede-speranza-carità  CIMITERO-tomba-allntrata
tomba all’entrata nord
CIMITERO-sullarco-dennentrata-fede-speranza-carità  CIMITERO-tomba-allntrata  Cimitero-bomberos-completo-DOC
Monumento ai 28 bomberos  (vigili del fuoco) morti nel 1890 durante l’incendio di un negozio nella Habana Vieja.
CIMITERO-sullarco-dennentrata-fede-speranza-carità  CIMITERO-tomba-allntrata  Cimitero-bomberos-completo-DOC  CIMITERO-a-Colon-statua-1024x576
particolare del monumento ai bomberos
CIMITERO-sullarco-dennentrata-fede-speranza-carità  CIMITERO-tomba-allntrata  Cimitero-bomberos-completo-DOC  CIMITERO-a-Colon-statua-1024x576  CIMITERO-Havana-amelia-DOC-775x1024
La Milagrosa (la Miracolosa) è la tomba più visitata del Cimitero . Vi riposano i resti di una giovane donna, Amelia Goryi de Hoz, sepolta insieme al suo bambino, posto ai suoi piedi. La leggenda vuole che riaperta la toma si trovò il bambino fra le braccia della madre Amelia. Da allora il mito popolare ne ha fatto l’emblema della etrna speranza ed è continua meta di pellegrinaggi.
CIMITERO-sullarco-dennentrata-fede-speranza-carità  CIMITERO-tomba-allntrata  Cimitero-bomberos-completo-DOC  CIMITERO-a-Colon-statua-1024x576  CIMITERO-Havana-amelia-DOC-775x1024  CIMITERO-a-Colon-Bomberos-768x1024
particolare del monumento ai bomberos
CIMITERO-sullarco-dennentrata-fede-speranza-carità  CIMITERO-tomba-allntrata  Cimitero-bomberos-completo-DOC  CIMITERO-a-Colon-statua-1024x576  CIMITERO-Havana-amelia-DOC-775x1024  CIMITERO-a-Colon-Bomberos-768x1024  CIMITERO-Còlon-resurrezione
“Hacia  la inmortalidad y la eterna yuventud” 
CIMITERO-sullarco-dennentrata-fede-speranza-carità  CIMITERO-tomba-allntrata  Cimitero-bomberos-completo-DOC  CIMITERO-a-Colon-statua-1024x576  CIMITERO-Havana-amelia-DOC-775x1024  CIMITERO-a-Colon-Bomberos-768x1024  CIMITERO-Còlon-resurrezione  Colombo-cimitero-4
un viale del Cimitero intitolato a Cristoforo Colombo
CIMITERO-sullarco-dennentrata-fede-speranza-carità  CIMITERO-tomba-allntrata  Cimitero-bomberos-completo-DOC  CIMITERO-a-Colon-statua-1024x576  CIMITERO-Havana-amelia-DOC-775x1024  CIMITERO-a-Colon-Bomberos-768x1024  CIMITERO-Còlon-resurrezione  Colombo-cimitero-4  CIMITERO-a-Cristoforo-La-pietà-1024x768
copia della Pietà di Michelangelo per il Panteón di  don Miguel González de Mendoza y Pedroso.
About Bruno Aloi 183 Articoli
Nato a Genova nel 1941, si diploma Istituto tecnico Nautico. Divenuto capitano di lungo corso (1966), è laureato in Lettere. Molteplici sono i momenti che segnano il percorso di Bruno Aloi, da ufficiale di coperta agli incarichi in diverse specializzazioni formative fino all'abilitazione a comandante nel 2002. Particolarmente significativa è la sua attività in campo culturale, per un decennio soprintende alla promozione delle grotte di Borgio Verezzi e nell'ambito delle esplorazioni geografiche visita il Marocco, l'Algeria e la Siria. In qualità di Presidente dell'Associazione per il Recupero del Genovesato, Bruno Aloi promuove la riapertura dei forti genovesi Sperone e Begato, con eventi di spettacolo, mentre partecipa all'iniziativa "Artisti per il Centro Storico" (1990). Tra le altre cariche assunte, lo ricordiamo presidente di Al Sham, associazione per le relazioni tra Italia e Siria e presidente del Comitato Nazionale per Colombo.

Commenta per primo

Lascia un commento