Ignazio Peschiera. Colonna in marmo con busto di Cristoforo Colombo. 1821

Palazzo Tursi. Sala di rappresentanza del Sindaco. Genova

Ignazio Peschiera. Busto di Cristoforo Colombo. 1821

Genova. Palazzo Tursi . Sala del Vecchio Consiglio.

Colonna marmorea che sostiene l’effigie di Cristoforo Colombo, opera di Ignazio Peschiera (Genova 1777 /1839) su disegno di Carlo Barabino (Genova 1768 / 1835) , realizzata nel 1821.

Sulla colonna vi è un’iscrizione dettata dal Padre G. B. Spotorno:Tursi-SCRITTA-SU-COLONNETTA

All’interno della colonna  si trova il Codice dei Privilegi. Settantanove fogli dove Cristoforo Colombo fece trascrivere da un notaio tutti i documenti attestanti i diritti ed i privilegi che gli spettavano a seguito della scoperta delle Indie. 

Inoltre ci sono poi  tre lettere autografe inviate da Siviglia:

  • 21 marzo 1502 “Al signor Ambasciatore Messe Nicolò Oderigo”.
  • 2 aprile 1502 “Ai Protettori del Banco di San Giorgio”.
  • 27 dicembre 1504 “Al molto virtuoso signore Il dottor messer Nicolò Oderigo”.
Tursi-SCRITTA-SU-COLONNETTA  TURSI-busto-477x1024
Ignazio Peschiera. Busto di Cristoforo Colombo. 1821

L’Ammiraglio tramite Francesco di Rivarolo fece arrivare a Nicolò Oderigo  due copie , entrambe originali, del Codice dei privilegi.  Una copia venne trafugata dalle truppe napoleoniche  e portata a Parigi. 

Il 22 luglio 1816 avvenne un colpo di fortuna. Nella libreria del defunto senatore Cambiaso, esposta alla pubblica vendita venne trovato il volume contenente i privilegi.

Il volume conteneva gli ordini, i privilegi e le lettere perfettamente eguali ai documenti registrati nell’altro volume che era stato trafugato dalle truppe  di Napoleone e trasportato come preda di guerra a Parigi.

Il volume venne recuperato dalla pubblica autorità e deposto nei regi archivi di Torino. In seguito,   il 29 gennaio 1821 il Codice venne regalato a Genova da re Vittorio Emanuele I di Savoia che ne fece fare una copia da conservare nei suoi Archivi di Corte.

Il 31 luglio 1821 sotto re Carlo Felice il Consiglio Comunale di Genova deliberò che fosse eretto un monumento dove poter conservare il Codice in sicurezza e decoro. Il 16 agosto 1821 il Consiglio Generale approvò  la delibera  e fu eretto il monumento in marmo disegnato dall’architetto Carlo Barabino ed eseguito dallo scultore Ignazio Peschiera. Il piccolo monumento venne collocato nella Sala delle Adunanze Civiche e dentro venne inserito il Codice.

Tursi-SCRITTA-SU-COLONNETTA  TURSI-busto-477x1024  TURSI-DOC-IGNAZIO-PESCHIERA-COLONNA-E-BUSTO-FOTO-DI-MARIO-LUCIANO-RADICI
Colonna in marmo contenente il Codice dei Privilegi di Cristoforo Colombo

La sculura di Ignazio Peschiera è da ricordare perché è stata la prima opera fatta dai genovesi per ricordare l’Ammiraglio del Mar Oceano.

Attualmente il Codice dei Privilegi e le tre lettere autografe di Cristoforo Colombo sono state tolte dalla colonnetta  e si trovano al Galata-Museo del Mare di Genova.

Nel libro “Ritratti ed Elogi di Liguri Illustri” a cura di Giovanni Battista Spotorno stampato a Genova dalla Tipografia e Litografia Ponthenier nel 1823, tra i ritratti stampati in litografia da Giambattista Gervasoni, pioniere in questa tecnica di stampa, si trova il ritratto e relativo elogio di Cristoforo Colombo.  Il ritratto realizzato su disegno  di G. Fontana venne “Ricavato dal Monumento innalzato nella Sala del Comune di Genova” come cita la didascalia che lo accompagna.

Tursi-SCRITTA-SU-COLONNETTA  TURSI-busto-477x1024  TURSI-DOC-IGNAZIO-PESCHIERA-COLONNA-E-BUSTO-FOTO-DI-MARIO-LUCIANO-RADICI  Tursi-ritratto-di-C.C.-ricavato-DOC-766x1024
“Ritratti ed Elogi di Liguri Illustri”, 1823. Ritratto di Cristoforo Colombo ricavato dal monumento innalzato nella sala del Comune di Genova nel 1821.

 

 

 

About Bruno Aloi 249 Articoli
Nato a Genova nel 1941, si diploma Istituto tecnico Nautico. Divenuto capitano di lungo corso (1966), è laureato in Lettere. Molteplici sono i momenti che segnano il percorso di Bruno Aloi, da ufficiale di coperta agli incarichi in diverse specializzazioni formative fino all'abilitazione a comandante nel 2002. Particolarmente significativa è la sua attività in campo culturale, per un decennio soprintende alla promozione delle grotte di Borgio Verezzi e nell'ambito delle esplorazioni geografiche visita il Marocco, l'Algeria e la Siria. In qualità di Presidente dell'Associazione per il Recupero del Genovesato, Bruno Aloi promuove la riapertura dei forti genovesi Sperone e Begato, con eventi di spettacolo, mentre partecipa all'iniziativa "Artisti per il Centro Storico" (1990). Tra le altre cariche assunte, lo ricordiamo presidente di Al Sham, associazione per le relazioni tra Italia e Siria e presidente del Comitato Nazionale per Colombo.

Commenta per primo

Lascia un commento