Museo della Commenda. “Ricordando Cristoforo Colombo fra musica e poesia”.

 

 

 

?_=_&bannerid=1234532&campaignid=255077&zoneid=97469&loc=https%3A%2F%2Fwww.genovatoday.it%2Feventi%2Fmuseo-commenda-cristoforo-colombo

 

 

VENERDÌ 11 OTTOBRE 2019

Ricordando Cristoforo Colombo fra musica e poesia

Il Museo della Commenda (Piazza della Commenda) ospita l’evento culturale “Ricordando Cristoforo Colombo fra musica e poesia”, per il 527 anniversario della scoperta dell’America. L’ingresso è libero. Fra gli ospiti, Andrea Mora “il crooner italiano” e Piero Parodi, “icona” della musica genovese. L’evento è organizzato dal Comitato Nazionale per Colombo con ENTEL – Ente Nazionale per il Tempo Libero (sezione Liguria), in collaborazione con il MU.Ma Istituzione Musei del Mare e delle Migrazioni e con la Cooperativa Solidarietà e Lavoro. Ecco il programma completo: per i saluti di apertura interviene Nicoletta Viziano, presidente del Mu.Ma. Quindi introduzione a cura di Bruno Aloi, presidente del Comitato Nazionale per Colombo, e Alessandro Casareto, Presidente dell’Entel Regione Liguria. Ed ecco le performance artistiche e musicali: Andrea Mora, eletto da Jazz Italia il “crooner italiano”, e il suo jazz trio, Claudio Romanelli pianoforte, Guido Sais basso, Matteo Ottonello batteria, canta “Sos navigantes”, da lui scritta con Umberto Bindi, “Maccaja”, tratta dal suo album “Essenzialmente Mora”, “Genova per noi” di Paolo Conte e naturalmente “Ma se ghe penso”. Piero Parodi riproporrà voce e chitarra due canzoni storiche della tradizione genovese da lui riscovate e rivisitate, “Zena ghe n’è unn-a” e “Quando va sutta u sù”. L’attrice Lucia Vita legge due poesie di Paolo Falabrino, “Figlio del mare” e “La costa e il mare”, mentre Anna Maria Campiello, “ambasciatrice di Genova nel Mondo 2018”, presenta due sue poesie: “La solitudine di Colombo” e “Il navigante”. Infine ll tenore “tenor Gènois” Mauro Volpini canta “My way”, “Il nostro concerto” di Umberto Bindi e Giorgio Calabrese, “Colombo” di Sandro Giacobbe, e “Il mio mondo” scritta da Umberto Bindi e Gino Paoli

——————

mentelocale-300x201  Genova –Venerdì 11 ottobre 2019, dalle ore 17 alle 19, il Museo della Commenda di Genova (piazza della Commenda) ospita l’evento culturale Ricordando Cristoforo Colombo fra musica e poesia, per il 527 anniversario della scoperta dell’America. L’ingresso è libero. Fra gli ospiti, Andrea Mora il crooner italiano e Piero Parodi, icona” della musica genovese. L’evento è organizzato dal Comitato Nazionale per Colombo con Entel – Ente Nazionale per il Tempo Libero (sezione Liguria), in collaborazione con il MU.Ma Istituzione Musei del Mare e delle Migrazioni e con la Cooperativa Solidarietà e Lavoro. Ecco il programma completo:

Genova –Per i saluti di apertura interviene Nicoletta Viziano, presidente del Mu.Ma. Quindi introduzione a cura di Bruno Aloi, presidente del Comitato Nazionale per Colombo, e Alessandro Casareto, Presidente dell’Entel Regione Liguria. Ed ecco le performance artistiche e musicali: Andrea Mora, eletto da Jazz Italia il “crooner italiano”, e il suo jazz trio, Claudio Romanelli pianoforte, Guido Sais basso, Matteo Ottonello batteria, canta Sos navigantes, da lui scritta con Umberto Bindi, Maccaja, tratta dal suo album Essenzialmente Mora, Genova per noi di Paolo Conte e naturalmente Ma se ghe penso.

Genova –Piero Parodi ripropone voce e chitarra due canzoni storiche della tradizione genovese da lui riscovate e rivisitate, “Zena ghe n’è unn-a” e “Quando va sutta u sù”. L’attrice Lucia Vita legge due poesie di Paolo Falabrino, “Figlio del mare”  e “La costa e il mare”, mentre Anna Maria Campiello, “ambasciatrice di Genova nel Mondo 2018”, presenta due sue poesie: La solitudine di Colombo e Il navigante. Infine ll tenore tenor Gènois Mauro Volpini canta My way, Il nostro concerto di Umberto Bindi e Giorgio Calabrese, Colombo di Sandro Giacobbe, e Il mio mondo scritta da Umberto Bindi e Gino Paoli.

———————

Informazioni su Bruno Aloi 965 Articoli
Bruno Aloi. Nato a Genova nel 1941, si diploma nel 1960 presso l'Istituto Tecnico Nautico San Giorgio di Genova. Nel 1966 consegue il titolo professionale di Capitano di Lungo Corso. Laureato in Lettere con la tesi "I Liguri nella Gallia meridionale". Molteplici sono i momenti che segnano il percorso di Bruno Aloi, da ufficiale di coperta agli incarichi in diverse specializzazioni formative (corsi di sopravvivenza, mezzi di salvataggio, antincendio di base ed avanzato, corso superiore radar, familiarizzazione navi chimiche, ) fino all'abilitazione a comandante Certificazione S.T.C.W. 1978/95 rilasciato il 28/1/2002. Particolarmente significativa è la sua attività in campo culturale, per un decennio soprintende alla promozione delle grotte di Borgio Verezzi come presidente del Gruppo Grotte Borgio Verezzi. Nell'ambito delle esplorazioni ipogee visita il Marocco, l'Algeria e la Siria su invito del Ministro del Turismo Siriano. Socio onorario dello Speleo Club de l'Aude et de l'Ariège (Francia). In qualità di Presidente dell'Associazione per il Recupero del Genovesato, Bruno Aloi promuove nel 1986 la riapertura dei forti genovesi Sperone e Begato, con eventi di spettacolo, mentre partecipa all'iniziativa "Artisti per il Centro Storico" (1990). Premio Regionale Ligure 1987. Premio "Gente di Mare" 2002. Viareggio. Socio onorario della Società Nazionale di Salvamento. Tra le altre cariche assunte, lo ricordiamo presidente di Al Sham, associazione per le relazioni tra Italia e Siria contibuendo al gemellaggio della città di Genova con la città di Latakia (l'antica Laodicea). Giornalista pubblicista dal 14/6/1989 iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti Roma Tessera N. 170551.. Presidente del Comitato Nazionale per Colombo.

Commenta per primo

Lascia un commento