Ritratto di Cristoforo Colombo attribuito al pittore spagnolo Pedro Berruguete. Collezione privata.

Ritratto di Cristoforo Colombo attribuito dagli esperti, prof. Maurizio Marini storico dell'arte, e Vittorio Sirotti vice direttore dell'Accademia di Liguria Genova, al pittore spagnolo Pedro Berruguete (c.1450 Pedro de Nava/Palencia-1504 Avila), pittore di corte dei Re Cattolici Ferdinando II d'Aragona e Isabella di Castiglia. L'analisi fisico-chimica del dipinto, effettuata da Paolo Bensi, direttore del Collegio Italiano di Chimica, dimostra che il ritratto è datato tra la fine del XV e l'inizio del XVI secolo. Il ritratto apparteneva ad una collezione privata, venne poi affidato ad una galleria d'aste di Genova e acquistato dall'italo americano Francesco Roibaudo. Dando per scontata l'autenticità, il quadro é importante in quanto il Berreguete avrebbe potuto conoscere personalmente Colombo e farne un ritratto ufficiale.

Ritratto di Cristoforo Colombo attribuito dagli esperti, prof. Maurizio Marini storico dell’arte, e Vittorio Sirotti vice direttore dell’Accademia di Liguria Genova, al pittore spagnolo Pedro Berruguete (c.1450 Pedro de Nava/Palencia-1504 Avila), pittore di corte dei Re Cattolici Ferdinando II d’Aragona e Isabella di Castiglia.
L’analisi fisico-chimica del dipinto, effettuata da Paolo Bensi, direttore del Collegio Italiano di Chimica, dimostra che il ritratto è datato tra la fine del XV e l’inizio del XVI secolo.
Il ritratto apparteneva ad una collezione privata, venne poi affidato ad una galleria d’aste di Genova e acquistato dall’italo americano Francesco Roibaudo.
Dando per scontata l’autenticità, il quadro é importante in quanto il Berruguete avrebbe potuto conoscere personalmente Colombo e farne un ritratto ufficiale.

Pedro-Berruguete-300x289
Ritratto di Cristoforo Colombo attribuito dagli esperti, prof. Maurizio Marini storico dell’arte, e Vittorio Sirotti vice direttore dell’Accademia di Liguria Genova, al pittore spagnolo Pedro Berruguete (c.1450 Pedro de Nava/Palencia-1504 Avila), pittore di corte dei Re Cattolici Ferdinando II d’Aragona e Isabella di Castiglia.
L’analisi fisico-chimica del dipinto, effettuata da Paolo Bensi, direttore del Collegio Italiano di Chimica, dimostra che il ritratto è datato tra la fine del XV e l’inizio del XVI secolo.
Il ritratto apparteneva ad una collezione privata, venne poi affidato ad una galleria d’aste di Genova e acquistato dall’italo americano Francesco Roibaudo.
Dando per scontata l’autenticità, il quadro é importante in quanto il Berreguete avrebbe potuto conoscere personalmente Colombo e farne un ritratto ufficiale.
About Bruno Aloi 280 Articoli
Nato a Genova nel 1941, si diploma Istituto tecnico Nautico. Divenuto capitano di lungo corso (1966), è laureato in Lettere. Molteplici sono i momenti che segnano il percorso di Bruno Aloi, da ufficiale di coperta agli incarichi in diverse specializzazioni formative fino all'abilitazione a comandante nel 2002. Particolarmente significativa è la sua attività in campo culturale, per un decennio soprintende alla promozione delle grotte di Borgio Verezzi e nell'ambito delle esplorazioni geografiche visita il Marocco, l'Algeria e la Siria. In qualità di Presidente dell'Associazione per il Recupero del Genovesato, Bruno Aloi promuove la riapertura dei forti genovesi Sperone e Begato, con eventi di spettacolo, mentre partecipa all'iniziativa "Artisti per il Centro Storico" (1990). Tra le altre cariche assunte, lo ricordiamo presidente di Al Sham, associazione per le relazioni tra Italia e Siria e presidente del Comitato Nazionale per Colombo.

Commenta per primo

Lascia un commento