Biografia di Dario Guglielmo Martini

uno dei massimi studiosi della vita di Cristoforo Colombo

Dario Guglielmo Martini
giornalista, saggista, poeta, autore e critico teatrale. Le sue opere sono state tradotte in quattordici lingue (giapponese compreso). Gli si debbono trentadue testi per la scena o per la Rai-TV, tre raccolte di versi e ventun volumi di studi prevalentemente storici, nonché una trentina di prefazioni (due per libri di interesse colombiano).

Insignito di molti importanti riconoscimenti. Fra gli altri il premio Riccione 1962 per il dramma “Qualcosa, comunque” e il premio Pirandello 1977 per “Il latte e il sangue”. Nel 2006 Premio Internazionale dell’International Committee for Christopher Columbus “Cristoforo Colombo e il Mare” consegnatogli dal presidente, Bruno Aloi, all’Auditorium Leone XIII di Milano di fronte duemila persone..

Nell’ambito degli studi su Cristoforo Colombo, Martini è tra coloro che, a livello nazionale e internazionale, hanno maggiormente contribuito a definire, senza iperboli agiografiche e senza assurde denigrazioni, la figura del grande navigatore genovese.

Nel saggio dedicatogli dal docente universitario Roberto Trovato (dal titolo “Dario G. Martini, L’antiapocalisse – Un autore teatrale italiano fra due millenni”) è reperibile l’elenco completo delle opere che lo stesso Martini ha scritto sull’Ammiraglio, elenco che qui si trascrive:

– L’uomo dagli zigomi rossi. Cristoforo Colombo visto fuori del mito – Savona, 1974 – Premio Caffaro d’oro;
– Cristoforo Colombo tra ragione e fantasia – Genova, 1987 – Premio Anthia;
– Colombo, vizi e virtù – Genova, 1988 ;
– L’Ammiraglio e le sette lune – Dramma in due tempi, con prefazione di Franco Cardini – Genova 1989 ;
– Il mito in un sorriso, per una mostra di Umberto Piombino – Genova, 1989 ;
– Cristoforo Colombo, l’America e il teatro – Genova, 1990, di cui due capitoli dedicati al teatro precolombiano degli Aztechi, dei Maya e degli Incas;
– Cristoforo Colombo e le donne della sua vita – Genova, 1991 – Testo rielaborato per una traduzione in giapponese pubblicata a Tokio nel 1992 ;
– Colombo e la sabbia – Dramma in un tempo – Prato, 1991. Il testo, successivamente pubblicato sulla bella rivista di Mario Giorgetti “Sipario” (Milano, 1991), ha rappresentato l’Italia ad un Festival internazionale di Lugano ed è stato portato in tournée in varie località italiane (1991-1992);
– Colombo e la scoperta nelle grandi opere letterarie – Diciottesimo volume della Nuova Raccolta Colombiana, in collaborazione con Giuseppe Bellini. A cura del Ministero dei Beni Culturali – Roma, 1992;
– Colombo – Opera “monumentale” illustratissima, della Vallecchi Editore, che Martini ha curato con i contributi di Simonetta Garibaldi, Aldo Agosto e Giuseppe Milazzo – Firenze, 2005 ;
– Alla scoperta di Colombo – Dramma in endecasillabi pubblicato da “Sipario” – Milano, 2006;

Sempre nel quadro della saggistica colombiana, Dario G. Martini ha redatto le voci relative al grande navigatore e ai suoi congiunti per il ” Dizionario biografico dei Liguri” ( le voci curate nel terzo volume, pubblicato dalla Consulta ligure nel 1996 si trovano da pag. 489 a pag. 496 ). Inoltre – unico autore italiano, oltre a Taviani – ha contribuito alla realizzazione della grande enciclopedia colombiana edita a New York dalla Simon & Schuster Inc. 1992;

Ancora: oltre a dirigere con Gaetano Ferro, presidente per molti anni della Società Geografica Italiana, una collezione di monografie su temi colombiani per la Provincia di Genova, Martini ha scritto il testo, sempre con l’amico Ferro del documentario televisivo “I luoghi della giovinezza di Colombo” che è stato tradotto in cinque lingue ed ha avuto una larga diffusione in vari continenti.
Ha curato infine la consulenza storica per alcuni programmi colombiani andati in onda sulle tre reti Rai, l’ultimo “Odore di sangue e profumo di rose”, realizzato con Vito Molinari, è stato trasmesso nel luglio del 1993.

Il 17 giugno 2005  il prof. Aldo Agosto, presentandolo come primo relatore al convegno organizzato dal Comitato Nazionale per Colombo “ Colombo e il mare ”, nell’aula Consiliare della Provincia di Genova, ha affermato che Dario G. Martini, tra gli studiosi viventi, è il più informato sulla vita dello scopritore.

Nel volume che Martini ha curato con Giuseppe Bellini per la nuova grande Raccolta Colombiana “Colombo e la scoperta nelle grandi opere letterarie”, si tratta anche del “Colombo in filigrana”, degli autori, cioè che da Montagne a De Montherlant, da Giordano Bruno a Goethe, da Campanella a Spinoza, da Shakespeare a Coleridge, da Goldoni a Metastasio, da Spencer a Racine, da Molière a Brecht, sono stati più o meno condizionati, per alcuni dei loro testi, dalla scoperta dell’America.
Dario Guglielmo Martini ha passato gli ultimi anni della sua vita a Villa Crovetto di San Bernardo di Bogliasco, dove si é spento il 18 agosto 2015 affettuosamente circondato dalle cure dell’amico Luciano Musso, dove gli amici Aldo Agosto e Bruno Aloi andavano spesso a trovarlo parlando immancabilmente di questioni colombiane.

Commenta per primo

Lascia un commento