Nicaise De Keiser. “Colombo considerato pazzo”.

Museo Reale di Belle Arti di Anversa (Belgio).

Pittore e  decoratore della comunità fiamminga belga,  Nicaise De Keiser ( Zandvliet, Anversa 1823 – Anversa 1887).

Acquerello 30 x 37 cm. “Colombo considerato pazzo”. Titolo originale “Christoffel Columbus beschouwd als gek”.

Al Museo Reale delle Belle Arti  ( Koninklijk Museum voor Schone Kunsten ) KMSKA di Anversa (Belgio) .

AB-Nicaise-De-Keyser-Columbus
Nicaise De Keiser. “Colombo considerato pazzo”.

Altra immagine dell’acquerello di Nicaise De Keiser della “Lukas-Art in Flanders”,  Banca di immagini d’arte dei musei fiamminghi del Belgio. Nella collezione del Museo reale di Belle Arti di Anversa.

AB-Nicaise-De-Keyser-Columbus  AB-Columbus-Nikaise-de-Keiser-acquerello
                                                “Colombo considerato pazzo”. Immagine d’Arte della “Lukas-Art in Flanders”.

Nicaise De Keiser, pittore belga allievo di Joseph Jacobs che ne scoprì il talento e lo introdusse all’Accademia di Belle arti. Nel 1839  fece un viaggio di istruzione in Italia.

Nel 1855 divenne direttore dell’Accademia Reale di Belle Arti di Anversa. Nel 1873 fu insignito della più alta onorificenza prussiana “Blauer Max” (Ordine al Merito).

Nella sua vita d’artista passò da soggetti religiosi a episodi di storia  e infine  divenne stimato come ritrattista.

AB-Nicaise-De-Keyser-Columbus  AB-Columbus-Nikaise-de-Keiser-acquerello  AB-ritratto-di-Nicaise_de_Keyser_by_Charles_Baugniet
Nicaise_De_Keyser. Ritratto di Charles Baugniet (Bruxelles 1814- Sèvres 1886). 1836.

Il Museo Reale delle Belle Arti di Anversa, Koninklijk Museum voor Schone Kunsten KMSKA, ospita una collezione di dipinti, sculture e disegni del periodo compreso tra il XIV e XX secolo. Rappresenta il maggior museo della Comunità Fiamminga del Belgio.

AB-Nicaise-De-Keyser-Columbus  AB-Columbus-Nikaise-de-Keiser-acquerello  AB-ritratto-di-Nicaise_de_Keyser_by_Charles_Baugniet  AB-KMSKA
Koninklijk Museum voor Schone Kunsten di Anversa. KMSKA.
About Bruno Aloi 491 Articoli
Bruno Aloi. Nato a Genova nel 1941, si diploma nel 1960 presso l'Istituto Tecnico Nautico San Giorgio di Genova. Nel 1966 consegue il titolo professionale di Capitano di Lungo Corso. Laureato in Lettere con la tesi "I Liguri nella Gallia meridionale". Molteplici sono i momenti che segnano il percorso di Bruno Aloi, da ufficiale di coperta agli incarichi in diverse specializzazioni formative (corsi di sopravvivenza, mezzi di salvataggio, antincendio di base ed avanzato, corso superiore radar, familiarizzazione navi chimiche, ) fino all'abilitazione a comandante Certificazione S.T.C.W. 1978/95 rilasciato il 28/1/2002. Particolarmente significativa è la sua attività in campo culturale, per un decennio soprintende alla promozione delle grotte di Borgio Verezzi come presidente del Gruppo Grotte Borgio Verezzi. Nell'ambito delle esplorazioni ipogee visita il Marocco, l'Algeria e la Siria su invito del Ministro del Turismo Siriano. Socio onorario dello Speleo Club de l'Aude et de l'Ariège (Francia). In qualità di Presidente dell'Associazione per il Recupero del Genovesato, Bruno Aloi promuove nel 1986 la riapertura dei forti genovesi Sperone e Begato, con eventi di spettacolo, mentre partecipa all'iniziativa "Artisti per il Centro Storico" (1990). Premio Regionale Ligure 1987. Premio "Gente di Mare" 2002. Viareggio. Socio onorario della Società Nazionale di Salvamento. Tra le altre cariche assunte, lo ricordiamo presidente di Al Sham, associazione per le relazioni tra Italia e Siria contibuendo al gemellaggio della città di Genova con la città di Latakia (l'antica Laodicea). Giornalista pubblicista dal 14/6/1989 iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti Roma Tessera N. 170551.. Presidente del Comitato Nazionale per Colombo.

Commenta per primo

Lascia un commento