La casa di campagna della famiglia Colombo in località Valcada, Savona.

Acquistata il 19 agosto 1474 con Atto Notarile stilato dal notaio Giovanni Rogero.

Valcalda. La quattrocentesca casa di campagna ceduta a Domenico Colombo il 19 agosto 1474.

In località Valcada a Legino (Savona) si trova la quattrocentesca casa  ceduta da Corrado Cuneo cittadino di Savona a Domenico Colombo da Quinto di Genova, abitante a Savona e di professione laniere..

Quella che sarebbe diventata la residenza di campagna della famiglia di Domenico Colombo dal 1474 al 1481 esiste tuttora.  La proprietà passò dai Vaccioli nel XVII secolo agli Isnardi, poi ai Baietto , agli Oxilia e nel 1968 vi abitava il pensionato ottantatreenne Giacinto Cavalleri con la propria famiglia.

L’atto notarile di cessione in enfiteusi di un appezzamento di terreno con vigne, campi, alberi e bosco e con una casa posta su esso, sito nella villa di Legino, in contrada Valcada venne stipulato il 19 agosto 1474 presso il Palazzo di Giustizia di Savona dal notaio Giovanni Rogerio. 

VALCALDA-Atto-notarile-in-latino-925x1024
Atto notarile in latino del 19 agosto 1474. Notaio Iohannes Rogerius (Giovanni Rogero). Nell’Archivio del Capitolo della Cattedrale di Savona.
VALCALDA-Atto-notarile-in-latino-925x1024  Valcada-parte-prima-traduzione-1024x887
Traduzione Atto Notarile

 

VALCALDA-Atto-notarile-in-latino-925x1024  Valcada-parte-prima-traduzione-1024x887  Valcada-parte-2-traduzione-995x1024

 

Il contratto  delle dimensioni di cm. 27 x 39 è conservato nell’Archivio del Capitolo della Cattedrale di Savona. Libro del Capitolo, 1471-1508. Il contratto in enfiteusi permetteva all’affittuario, l’enfiteuta, di godere di  pieni poteri sui fondi che coltivava , con la possibilità di affrancare il fondo, con l’obbligo di apportare miglioramenti o in alternativa di pagare  annualmente una somma di denaro o quantitativi di prodotti agricoli. Domenico Colombo promise di pagare ogni anno il 26 dicembre, festa di Santo Stefano, dodici soldi di moneta di Savona, corrispondenti a circa 42 grammi d’oro.

 

VALCALDA-Atto-notarile-in-latino-925x1024  Valcada-parte-prima-traduzione-1024x887  Valcada-parte-2-traduzione-995x1024  VALCALDA-LEGINO-DOC-1024x548
Valcada. La quattrocentesca casa di campagna ceduta a Domenico Colombo il 19 agosto 1474. Prima del restauro.

Corrado da Cuneo era il padre di Michele da Cuneo (Savona poco prima del marzo 1448-   Savona, 1503) che   prese parte al secondo viaggio di esplorazione al Nuovo Mondo imbarcato con l’amico Cristoforo Colombo  sulla Maria Galante, meglio conosciuta come Santa Maria.   I Cuneo erano un’importante e ricca famiglia di Savona, provenienti molto  probabilmente dalla vicina Cunio (non Cuneo), e già presenti in città nel Trecento.

VALCALDA-Atto-notarile-in-latino-925x1024  Valcada-parte-prima-traduzione-1024x887  Valcada-parte-2-traduzione-995x1024  VALCALDA-LEGINO-DOC-1024x548  Valcalda-1024x690
La casa di Valcada restaurata.

Sulla facciata della casa,  la Società Savonese “A Campanassa”,  nel maggio 1940 , XVIII dell’Era Fascista, fece murare una lapide con la  seguente iscrizione:

                                                                                                                            DOMENICO COLOMBO
                                                                                                                                           PADRE
                                                                                                                                                DI
                                                                                                                          CRISTOFORO COLOMBO
                                                                                                                       ACQVISTAVA QVESTA CASA
                                                                                                                                         NEL 1474
                                                                                                                       A CAMPANASSA 1940-XVIII

Al momento della firma dell’Atto Notarile il terreno era già sistemato a vigna.  Una delle ipotesi fatte sul perchè il padre di Cristoforo Colombo  prese in enfiteusi la casa con vigneti annessi è che volesse sfruttare l’area per fornire di vino la taverna che aveva a Savona. 

Domenico Colombo con Cristoforo e il resto della famiglia vi hanno tenuto dimora. A conferma dell’autenticità della casa si cita Gaetano Ferro ( Stella  1925-Genova 2003), già preside della Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Genova e docente di Geografia storica e politica e presidente della  Società Geografica Italiana. Dal suo articolo “Le case a Savona della famiglia di Cristoforo Colombo” in “Columbus ’92-Genova, annoII, n°2 (febbvraio 1986), pp. 7-8 : “le indicazioni contenute nell’atto e la confinazione con un fossato e con la strada pubblica, la quale attraversa la proprietà, permettono un’identificazione quasi sicura della proprietà, coerente del resto con la tradizione locale e con l’antichità dell’edificio ivi conservatosi finora, avente tutte le caratteristiche per risalire al XVC secolo, posto in un’amenissima località panoramica, dominante da una quota di quasi 100 metri sul livello del mare, la rada du Vado e ampio tratto del Mar Ligure”.

 

 

About Bruno Aloi 267 Articoli
Nato a Genova nel 1941, si diploma Istituto tecnico Nautico. Divenuto capitano di lungo corso (1966), è laureato in Lettere. Molteplici sono i momenti che segnano il percorso di Bruno Aloi, da ufficiale di coperta agli incarichi in diverse specializzazioni formative fino all'abilitazione a comandante nel 2002. Particolarmente significativa è la sua attività in campo culturale, per un decennio soprintende alla promozione delle grotte di Borgio Verezzi e nell'ambito delle esplorazioni geografiche visita il Marocco, l'Algeria e la Siria. In qualità di Presidente dell'Associazione per il Recupero del Genovesato, Bruno Aloi promuove la riapertura dei forti genovesi Sperone e Begato, con eventi di spettacolo, mentre partecipa all'iniziativa "Artisti per il Centro Storico" (1990). Tra le altre cariche assunte, lo ricordiamo presidente di Al Sham, associazione per le relazioni tra Italia e Siria e presidente del Comitato Nazionale per Colombo.

Commenta per primo

Lascia un commento