La lettera di Cristoforo Colombo (La Prima Incisione)

La lettera di Cristoforo Colombo (La Prima Incisione)

La lettera di Cristoforo Colombo con la relazione del primo viaggio alle Indie venne tradotta a Roma in latino da Leandro di Cosco (in latino Aliender de Cosco) e stampata da Stephan Plannck dopo il 29 IV 1493.    

L’edizione latina era accompagnato da quattro incisioni eseguite su disegni che alcuni suppongono fatti dallo stesso Cristoforo Colombo.
La prima rappresenta una caravella alla vela presso la quale si vede un battello con dentro un marinaio seduto con berretta conica e in atto di vogare.

Della caravella si distinguono chiglia, cassero, castello di poppa, alberi e cordami.                                                                                                                                                                                                                                

COLOMBO-Lettera-insulae-inuensis-Oceanica-Classis-745x1024
                              Prima incisione. Ocanica Classis.

 

About Bruno Aloi 249 Articoli
Nato a Genova nel 1941, si diploma Istituto tecnico Nautico. Divenuto capitano di lungo corso (1966), è laureato in Lettere. Molteplici sono i momenti che segnano il percorso di Bruno Aloi, da ufficiale di coperta agli incarichi in diverse specializzazioni formative fino all'abilitazione a comandante nel 2002. Particolarmente significativa è la sua attività in campo culturale, per un decennio soprintende alla promozione delle grotte di Borgio Verezzi e nell'ambito delle esplorazioni geografiche visita il Marocco, l'Algeria e la Siria. In qualità di Presidente dell'Associazione per il Recupero del Genovesato, Bruno Aloi promuove la riapertura dei forti genovesi Sperone e Begato, con eventi di spettacolo, mentre partecipa all'iniziativa "Artisti per il Centro Storico" (1990). Tra le altre cariche assunte, lo ricordiamo presidente di Al Sham, associazione per le relazioni tra Italia e Siria e presidente del Comitato Nazionale per Colombo.

Commenta per primo

Lascia un commento