I viaggi di Cristoforo Colombo all’isola di Chio

Maggio 1474 e settembre 1475.

Nel  “Giornale di Bordo” di Cristoforo Colombo, trascritto da padre Bartolomeo de Las Casas,  ci sono due riferimenti all’isola di Chio ( chiamata all’epoca Scio). 

Il primo in data 12 novembre 1492, l’Ammiraglio  racconta di aver scoperto nell’isola di Cuba una gran quantità di resina di lentisco. “… Le piante che lo producono sono numerose e grandi e hanno le foglie e i frutti come il lentisco, tranne che sono più grandi di quel che dice Plinio, secondo che io stesso ho visto nell’isola di Scio nell’Arcipelago greco.” E prosegue “… Quanto alla resina del lentisco, essa  è di gran pregio perchè non se ne trova che nella predetta isola di Scio, ove credo, se la memoria non m’inganna, che ne ricavino per un valore di ben 50.000 ducati”.

In data 11 dicembre 1492 c’è un secondo riferimento. “Spediti nuovamente alcuni uomini a terra, costoro rinvennero ancora altra resina di lentisco, che però si manteneva liquida. Lo che l’Ammiraglio attribuiva alle pioggie da poco cadute; e soggiunge che nell’isola di Scio la raccolgono in marzo, ma che in queste terre d’oltremare dove il clima è più caldo, la raccolta dovrebbe essere fatta nel mese di gennaio”.

CHIO-isola-collezione-Argenti-834x1024
Isola di Chio dal manoscritto “Insularium Illustratum” di Enrico Martelli, 1470. Nella Collezione Argenti di Chio.

 

Nella lettera,  scritta in spagnolo, indirizzata il 15 febbraio 1493 al tesoriere del re, Rafaele Saxis, il primo documento autentico che annunciò la scoperta,  torna sull’argomento.

“… Darò alle loro altezze mastice quanto ne ordineranno di  caricare, e di tal qualità chesi trova solamente in Grecia, nell’isola di Scio; e che la Signoria (di Genova)  la vende come vuole.”

CHIO-isola-collezione-Argenti-834x1024  Chio-Saxix-688x1024
Parti della lettera scritta da Colombo il 15 febbraio 1493. Lettera alla Biblioteca Ambrosiana di Milano.

Il lentisco (Pistacia lentiscus) è un arbusto sempreverde  della famiglia delle Anacardiaceae. Il frutto è di colore rosso, tendente al nero nel corso della maturazione.

La fioritura ha luogo in primavera, da aprile a maggio. I frutti rossi sono ben visibili in piena estate e in autunno e maturano in inverno.

CHIO-isola-collezione-Argenti-834x1024  Chio-Saxix-688x1024  Chio-lentisco-doc
Lentisco

La mastica  è una resina vegetale ottenuta dall’incisione della corteccia  del lentisco. Dai tagli cola una resina che viene essicata al sole e impiegata come sostanza aromatica e medicinale.  In Grecia è nota anche come “lacrime di Chio” dato che la resina condensa in piccole gocce..  Viene coltivata a Chio nella regione meridionale dell’isola, la Mastichochoria.

CHIO-isola-collezione-Argenti-834x1024  Chio-Saxix-688x1024  Chio-lentisco-doc  CHIO-mastica
Mastica. “Le lacrime di Chio”.

In che anni  avrà fatto Cristoforo Colombo  il viaggio o i viaggi a Chio ?

CHIO-isola-collezione-Argenti-834x1024  Chio-Saxix-688x1024  Chio-lentisco-doc  CHIO-mastica  CHIO-La-città-di-Chio-e-il-suo-porto-1024x889
La città di Chio e il suo porto. Manoscritto di Enrico Martelli. 1470. 

Secondo Paolo Emilio  Taviani i genovesi effettuarono negli anni 1474 e 1475 due spedizioni a Scio.

La prima spedizione partì da Savona il 25 maggio 1474 con a bordo carpentieri e tessitori.

La seconda partì da Genova nel settembre 1475 con lo scopo di portare rinforzi all’isola minacciata dai Turchi. Vi parteciparono numerose navi, una di proprietà  di Paolo Di Negro e un’altra di Nicola Spinola, armatori con i quali Colombo tenne rapporti di lavoro e amicizia. Il Taviani propende per l’ipotesi che Colombo abbia partecipato alle due spedizioni.

Dario Guglielmo Martini cita Giovanni Pessagno che afferma che,  secondo le sue ricerche d’archivio,  Colombo avrebbe quasi sicuramente partecipato alle due spedizioni che gli armatori Gian Antonio Di Negro e Goffredo Spinola fecero compiere alle loro navi per ritirare partite di resina e di mastice. 

Non combaciano i nomi degli armatori  ma la sostanza é che le due famiglie genovesi armarono le loro navi per andare a caricare il mastice all’isola di Chio. Ed è pressochè convincente l’idea che Colombo vi abbia partecipato visti i suoi rapporti con i Di Negro e gli Spinola  che continuarono negli anni successivi nelle spedizioni in Atlantico,verso l’Inghilterra e poi verso Madera.

 

 

 

 

About Bruno Aloi 208 Articoli
Nato a Genova nel 1941, si diploma Istituto tecnico Nautico. Divenuto capitano di lungo corso (1966), è laureato in Lettere. Molteplici sono i momenti che segnano il percorso di Bruno Aloi, da ufficiale di coperta agli incarichi in diverse specializzazioni formative fino all'abilitazione a comandante nel 2002. Particolarmente significativa è la sua attività in campo culturale, per un decennio soprintende alla promozione delle grotte di Borgio Verezzi e nell'ambito delle esplorazioni geografiche visita il Marocco, l'Algeria e la Siria. In qualità di Presidente dell'Associazione per il Recupero del Genovesato, Bruno Aloi promuove la riapertura dei forti genovesi Sperone e Begato, con eventi di spettacolo, mentre partecipa all'iniziativa "Artisti per il Centro Storico" (1990). Tra le altre cariche assunte, lo ricordiamo presidente di Al Sham, associazione per le relazioni tra Italia e Siria e presidente del Comitato Nazionale per Colombo.

Commenta per primo

Lascia un commento