La Découverte de l’Amérique. Cortometraggio a colori, 1935.

La Decouverte de l'Amerique

Titolo originale: La Découverte de l’Amérique

Regia: Leontina “Mimma” Indelli  (Signa, Firenze 1909-Marsiglia 2002)

Paese: Francia

Anno di produzione: 1935

Tempo di percorrenza: 10 minuti

Categoria: Cortometraggio

Tecniche usate: Disegno su celle

Processo: Colore

Produzione: Lo DUCA

Disegni: Leontina  “Mimma” Indelli 

Animazione: Pierre Bourgeon

Musica: Riccardo Bottino

Leontina “Mimma” Indelli  formatasi come disegnatrice e pittrice a Firenze.

Venne chiamata a Parigi nel 1934  da Lo Duca, scrittore, giornalista, critico cinematografico, produttore, che era nato a Milano nel 1905 e presto trasferitosi  in Francia dove morì nel 2004, a Fontainebleau.

Il suo ruolo sarebbe dovuto essere quello di mente creativa della casa produttrice DAE (Dessins Animés Européens) che Lo Duca aveva appena costituito.

In concreto ella portò a termine unicamente La découverte de l’Amérique (1935) in quanto  la DAE fallì a causa di difficoltà tecniche e finanziarie.

FILM-FRANCIA-1935-DOC-1024x685
La Découverte de l’Amérique (1935). Regia di Leontina “Mimma” Indelli. 
FILM-FRANCIA-1935-DOC-1024x685  FILM-FRANCIA-1935-La-découverte-DOC-2-684x1024
La Découverte de l’Amérique (1935). Regia di Leontina “Mimma” Indelli.
FILM-FRANCIA-1935-DOC-1024x685  FILM-FRANCIA-1935-La-découverte-DOC-2-684x1024  FILM-FRANCIA-1935-Georges-Melies-Leontina-Mimma-Indelli-Emile-Cohl-DOC
Georges-Melies, Leontina “Mimma” Indelli, Emile-Cohl. Foto di Joseph- Marie Lo Duca presa alla Maison de retraite des artistes à Orly nel 1936 Foto al Musée du film d’animation, Chateaux d’Annecy.

 

About Bruno Aloi 280 Articoli
Nato a Genova nel 1941, si diploma Istituto tecnico Nautico. Divenuto capitano di lungo corso (1966), è laureato in Lettere. Molteplici sono i momenti che segnano il percorso di Bruno Aloi, da ufficiale di coperta agli incarichi in diverse specializzazioni formative fino all'abilitazione a comandante nel 2002. Particolarmente significativa è la sua attività in campo culturale, per un decennio soprintende alla promozione delle grotte di Borgio Verezzi e nell'ambito delle esplorazioni geografiche visita il Marocco, l'Algeria e la Siria. In qualità di Presidente dell'Associazione per il Recupero del Genovesato, Bruno Aloi promuove la riapertura dei forti genovesi Sperone e Begato, con eventi di spettacolo, mentre partecipa all'iniziativa "Artisti per il Centro Storico" (1990). Tra le altre cariche assunte, lo ricordiamo presidente di Al Sham, associazione per le relazioni tra Italia e Siria e presidente del Comitato Nazionale per Colombo.

Commenta per primo

Lascia un commento