Trattato di Tordesillas. 7 giugno 1494.

Il 7 giugno 1494 fu firmato il Trattato di Tordesillas tra il Regno del Portogallo e il recente Regno di Spagna, per dividere le ”  terre scoperte e non scoperte da entrambe le Corone al di fuori del continente europeo”.

Il trattato divise il mondo al di fuori dell’Europa in un duopolio esclusivo tra l’Impero spagnolo e l’Impero portoghese lungo il meridiano  370 leghe (1.700 km) a ovest delle Isole di Capo Verde (al largo delle coste del Senegal ),  corrispondenti approssimativamente a 46° 37′ O (questo meridiano veniva chiamato raya).  Le terre a est di questa linea sarebbero appartenute al Portogallo e quelle a ovest alla Spagna.

TORDESILLAS-DOC

Il trattato venne ratificato dalla Spagna il 2 luglio, e dal Portogallo il 5 settembre 1494.  

Gli originali di entrambi i trattati sono conservati presso l’Archivo General de Indias a Siviglia in Spagna e presso l’Archivio Nazionale Torre de Tombo a Lisbona in Portogallo.  Il testo è stato inserito nel 2007 dall’Unesco nell’Elenco delle Memorie del Mondo.

————————————–

Versione spagnola conservata presso l’Archivo general de Indias a Siviglia.TORDESILLAS-DOC-INDIE

————————————

Versione portoghese del trattato di Tordesillas, folio 1 recto,  Biblioteca Nacional de Lisboa.   Biblioteca Nazionale di Lisbona.

Treaty_of_Tordesillas

—————————————-

Il Trattato seguì la sfida portoghese alle aspirazioni della Corona spagnola che rivendicava ufficialmente il continente americano per la regina spagnola Elisabetta la Cattolica, frutto del viaggio intrapreso da Colombo, che un anno e mezzo prima era arrivato nel Nuovo Mondo. Il Trattato di Tordesillas, così chiamato anche se fu firmato nel villaggio castigliano di Arévalo, fu firmato da El-Re Dom João II del Portogallo e dal Re-consorte spagnolo D. Fernando II d’Aragon, marito di Dona Isabel I di Castiglia, i Cattolici e che insieme sono passati alla storia come i Re Cattolici. Il trattato definiva come linea di demarcazione il meridiano 370 leghe a ovest dell’isola di Santo Antão nell’arcipelago di Capo Verde. Questa linea si trovava a metà strada tra queste isole – già portoghesi – e le isole caraibiche scoperte da Cristoforo Colombo, nel trattato denominato Cipango e Antille. I territori ad est di questo meridiano apparterrebbero al Portogallo ei territori ad ovest, alla Spagna. Il trattato fu ratificato dalla Spagna il 2 luglio e dal Portogallo il 5 settembre 1494. Ma più importante della storia del Trattato di Tordesillas è la leggenda, poiché questo trattato contiene molti misteri. El-Rei Dom João II del Portogallo si è guadagnato il soprannome di The Perfect Prince, perché in tutto ciò che ha fatto o deliberato ha messo un marchio di perfezione, e per il successo delle sue decisioni in termini di politica estera e geostrategia, ha senza dubbio contato le decisioni che assunse sulla base delle informazioni privilegiate che i suoi servizi segreti raccolsero e che lo resero il più illuminato dei monarchi europei dell’epoca. Prova di ciò, e massimo esponente della sua politica, è il Trattato di Tordesillas.

"La tesi che la Scoperta del Brasile, nonostante sia avvenuta ufficialmente nel 1500, ad opera di Pedro Álvares Cabral al servizio di El-Rei Dom Manuel I 
del Portogallo, fosse già stata ritrovata nei misteriosi viaggi del Capitano Duarte Pacheco Pereira è spesso rimarcata ad ovest di Capo Verde e quello 
varato - Lanciati furono agenti sbarcati sulla costa orientale dell'Africa e poi approdati nell'entroterra raccogliendo informazioni che avrebbero 
facilitato l'espansione portoghese nel continente che cominciava ad essere esplorato, e soprattutto sull'allora leggendario Regno di Preste João 
Erano uomini di enorme coraggio lanciati verso l'ignoto ed è per questo che diedero loro il nome indigeno di Tangomaos, dove tangomao significa: 'colui 
che muore assente o esiliato dalla madrepatria' – João Fernandes 'Lavrador' avrà anche fatto una piccolissima esplorazione del territorio. Così, sapendo 
questo, Dom João II nei negoziati del Trattato di Tordesillas ha fatto di tutto per ottenere l'accordo redatto in quel modo, compresa la Terra de Vera 
Cruz ancora da scoprire" . Miguel Villas-Boas – Piattaforma di cittadinanza monarchica

Il Trattato venne firmato nel Real Monasterio de Santa Clara. In origine palazzo reale costruito tra il XIV ed il XVIII secolo.  E’ uno dei migliori esempi di arte mudéjar in Castilla y León.

Al suo interno nel 1363 l’infanta Dona Beatriz, figlia del re Pedro I di Castiglia vi fondò un convento di Clarisse.

 

 --------------------------------------- 

Real Monasterio de Santa Clara

800px-Toro_-_Real_Monasterio_de_Santa_Clara_01

——————————

Entrata del Monastero

monasteiro-kTCD-U503136830636b-624x385@El%20Correo

 ……………………….

Atrio d'ingresso al palazzo-monastero di Las Claras

Atrio_de_las_Claras

————————————

Dove è stato firmato il Trattato di Tordesillas?

Senza alcuna prova documentale, la tradizione ha collocato la sua ubicazione nelle cosiddette Case del Trattato, erette sulla riva destra del fiume 
Duero, accanto alla chiesa di San Antolín. Il viaggiatore interessato che visita la città si imbatte in un edificio in pietra della fine del XV secolo, 
che incorpora nella facciata lo stemma dei Re Cattolici affiancato da altri due che mostrano l'araldica di Alfonso González de Tordesillas, pasticcere di 
camera dei monarcahi, e sua moglie, Leonor de Ulloa.

La tradizione ha permesso di raccogliere nelle Case del Trattato, erette sulla riva destra del fiume Duero, a Tordesillas, la firma del famoso trattato

Questo personaggio, soprannominato "Calvarrasa", aveva abitazione nell'attuale sede della Plaza Mayor, demolita nel 1487. Procedette poi a costruire 
"alcune case sul belvedere del fiume che cade in pietra, tra la chiesa del Santo Antolín e Sant Juan", e in cui ha posto il suo scudo: "Testa d'aquila 
nera in campo bianco".

Sebbene la costruzione avrebbe potuto essere completata quando è stato firmato il Trattato, ciò non significa che fosse lì dove è stato sanzionato. 
Mezzo secolo dopo Anton van den Wyngaerde non ha incluso questo edificio presumibilmente importante nella sua Vista panoramica di Tordesillas.

Evidenziò il palazzo reale, ora scomparso, da cui sicuramente proviene lo stemma principale della casata. Il palazzo fu costruito da Enrico III di 
Castiglia e Giovanni II, vi abitarono i Re Cattolici e, dal 1509, fu occupato dalla regina Giovanna I fino alla sua morte nel 1555. Poiché la città 
mancava di un municipio fino al XVI secolo, non era raro che gli edili si incontrassero "nei palazzi del re, che sono nella detta città dove è usanza e 
consuetudine suonare la campana".

Demolito nel XVIII secolo, quando Carlo III lo diede alla città, non abbiamo più vestigia del palazzo che documentari, una pianta e un disegno impreciso 
della sua esistenza. Che sia andato irrimediabilmente perduto non esime dalla responsabilità chi vuole oscurarne la memoria: il palazzo, e non una 
casa privata senza particolare prestigio, doveva essere il luogo in cui fu discusso e firmato il Trattato di Tordesillas, poiché è il unico edificio 
civile della città popolazione in grado di ospitare le legazioni e perché i Re Cattolici vi soggiornarono e se ne andarono solo poche ore prima 
della firma, quando avevano già raggiunto i loro obiettivi e la loro presenza alla cerimonia formale non era opportuna.

——————————————

“Vista panoramica di Tordesillas” 1565-7  di Anton van den Wyngaerde.  Al Victoria & Albert Museum, Londra.

file-20190813-9419-1brrink-1

—————————————–

CASAS DEL TRATADO. Sono due palazzi, uno del XV e l’altro del XVII, costruiti in mattoni e pietra, con balconi in ferro battuto, a due piani.   Nel palazzo più antico si è firmato nel giugno 1494 il famoso Trattato di Tordesillas.

Nella casa più vecchia si trova il Museo del Trattato di Tordesillas

esterno

—————————————

Museo Copia del Trattatointerior

 

—————————————

img-20170715-105341-largejpg

 

———————————-

 Sulla facciata del palazzo vi è lo stemma dei re cattolici, e dei loro proprietari, Alonso González de Tordesillas, e sua moglie, Leonor de Ulloa.

stemma-sulla-porta

 

——————————-

Museo Entrata street-view-of-front

 

entrada-principal

 

————————————-

Targa a ricordo della visita effettuata il 7 giugno 1994 dal re Juan Carlos I e la moglie Sofia e  dal presidente della repubblica portoghese Mario Soares in occasione del quinto centenario del “Tratado de Tordesillas”.TORDESILLAS-DOC

———————————-

Placca che ricorda la visita del re area-externa-do-museu

———————————

Filmato francese  “Le traité de Tordesillas (1494); le partage du monde”

 

———————————–

About Bruno Aloi 813 Articoli
Bruno Aloi. Nato a Genova nel 1941, si diploma nel 1960 presso l'Istituto Tecnico Nautico San Giorgio di Genova. Nel 1966 consegue il titolo professionale di Capitano di Lungo Corso. Laureato in Lettere con la tesi "I Liguri nella Gallia meridionale". Molteplici sono i momenti che segnano il percorso di Bruno Aloi, da ufficiale di coperta agli incarichi in diverse specializzazioni formative (corsi di sopravvivenza, mezzi di salvataggio, antincendio di base ed avanzato, corso superiore radar, familiarizzazione navi chimiche, ) fino all'abilitazione a comandante Certificazione S.T.C.W. 1978/95 rilasciato il 28/1/2002. Particolarmente significativa è la sua attività in campo culturale, per un decennio soprintende alla promozione delle grotte di Borgio Verezzi come presidente del Gruppo Grotte Borgio Verezzi. Nell'ambito delle esplorazioni ipogee visita il Marocco, l'Algeria e la Siria su invito del Ministro del Turismo Siriano. Socio onorario dello Speleo Club de l'Aude et de l'Ariège (Francia). In qualità di Presidente dell'Associazione per il Recupero del Genovesato, Bruno Aloi promuove nel 1986 la riapertura dei forti genovesi Sperone e Begato, con eventi di spettacolo, mentre partecipa all'iniziativa "Artisti per il Centro Storico" (1990). Premio Regionale Ligure 1987. Premio "Gente di Mare" 2002. Viareggio. Socio onorario della Società Nazionale di Salvamento. Tra le altre cariche assunte, lo ricordiamo presidente di Al Sham, associazione per le relazioni tra Italia e Siria contibuendo al gemellaggio della città di Genova con la città di Latakia (l'antica Laodicea). Giornalista pubblicista dal 14/6/1989 iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti Roma Tessera N. 170551.. Presidente del Comitato Nazionale per Colombo.

Commenta per primo

Lascia un commento