Berardi

Banchiere e mercante fiorentino, Giannotto Berardi (Firenze 1457 – Siviglia 1495)  conosciuto in Spagna come Juanoto (Janoto, Jannoto) Berardi.

La famiglia Berardi era dedita alla produzione della seta nel Borgo di San Pancrazio, Firenze.  Giannotto si trasferì giovanissimo a Lisbona per raggiungere il padre, l’imprenditore Lorenzo Berardi,  Si trasferì nel 1485 a Siviglia come agente della Casa Medici.   Conosciuto in Spagna come Juanoto (Janoto, Jannoto) Berardi  si dedicò anche al commercio degli schiavi africani associato al fratello Gianetto e Bartolomeo Marchionni, dell’oro e del lichene orchilla. Naturalizzato spagnolo nel 1494.
Era in rapporti con Cristoforo Colombo  che aveva  conosciuto a Lisbona  quando questi lavorava per i Centurione e i Di Negro.

Quando il 17 aprile 1492   vennero firmate da Isabella la Cattolica le famose capitolazioni di Santa Fe , Berardi interessato alle possibilità commerciali e finanziarie della scoperta, divenne uno dei finanziatori  del 1° Viaggio (1492) e 2 ° Viaggio (1493) di Cristoforo Colombo  alle  “Indie Occidentali”.  Ottenne le sue risorse attraverso la “tratta degli schiavi” o tratta degli schiavi africani, trasportati in Europa e nelle isole dei Caraibi; e viceversa, schiavi dalle isole caraibiche all’Europa.

Dopo questa situazione, rapidamente sfuggita di mano a Colombo, la regina Isabella di Castiglia decise di sospendere la disumana tratta degli schiavi e 
porre fine alla schiavitù
Era in rapporti con Vespucci  e nel suo testamento lo chiama "mio fattore" e lo nomina suo esecutore, in particolare al fine di ottenere da "sua Signoria" 
l'ammiraglio Colombo il rimborso delle somme  che gli erano ancora dovute.
C.Colombo finanziò la spedizione con il converso (ebreo convertito) Luis de Santangel, tesoriere d'Aragona che anticipò alla regina un milione di 
maravedis. Un altro milione lo ottenne da prestiti presso amici genovesi di Siviglia e soprattutto presso il banchiere fiorentino Giacomo Berardi.
Nel 1495 vi alluderà "Tre anni fa, per servire (l'Ammiraglio) ho smesso di vivere secondo il mio modo e ho abbandonato il mio solito albergo.-.. e 
questa malattia è dovuta alle fatiche sopportate al servizio di sua Signoria".  

Berardi, Juanoto. Firenze (Italia), st XV – 15.XII.1495. Mercante e prestatore di denaro, fattore di Cristoforo Colombo.

  Dal 1493 agirà come fattore di Colombo davanti ai Re e sarà lui a spedire e ricevere caravelle e mercanzie a nome dell’Ammiraglio.

Nella sua carica e come rappresentante a Siviglia, c’era Américo Vespucio, che lo sostituirà nelle sue funzioni alla sua morte.

Ha anche prestato denaro e navi ad Alonso Fernández de Lugo per la conquista delle Isole Canarie. Morì a Firenze il 15 dicembre 1495.

——————–

Juanoto Berardi (nato a Firenze nel 1457, morto a Siviglia, il), in italiano Giannotto Berardi, era un mercante fiorentino con sede a Siviglia, specializzato nella tratta degli schiavi e nel commercio delle orchidee. Fornì sostegno e finanziamenti a Cristoforo Colombo per la scoperta dell’America, che portò alla sua rovina.

La famiglia Berardi si dedica alla produzione della seta nel borgo di San Pancracio, vicino a Firenze . Giannotto, classe 1457, si trasferisce giovanissimo a Lisbona per raggiungere il padre, l’imprenditore Lorenzo Berardi. Si dedicò poi alla tratta degli schiavi, associato al fratello Gianetto e Bartolomeo Marchionni.

Berardi si trasferì a Siviglia dal 1485. Lì ricevette gli schiavi mandatigli dal compagno Marchioni, che aveva in concessione buona parte del commercio portoghese di schiavi africani. Oltre agli schiavi, Berardi si dedicò al commercio dell’orchilla, annoverando come soci il genovese Francisco de Riberol e l’inglese John Day, e altri prodotti come legno e tessuti. Nel 1489 dovette concedere un prestito forzato alla Corona di 60.000 maravedi per finanziare l’assedio di Baza, durante le guerre di Granada .

Alla fine del 1480 o all’inizio del 1490, ha assunto la delegazione commerciale a Siviglia da Lorenzo di Pierfrancesco de Medici, su raccomandazione di Donato Nicolini. Nel 1491 o 1492 entrò al servizio di Berardi un altro fiorentino inviato da Lorenzo di Pierfrancesco: Amerigo Vespucci . Gli altri collaboratori di Berardi furono Francisco Ridolfo, Jerónimo Rufaldi, Lorenzo de Rabata e Diego d’Ocaña.

Berardi diventa una figura centrale nel cerchio che ha favorito l’espansione castigliana sull’Atlantico, sia per le Canarie che per le Indie. Presenta Cristoforo Colombo prima al duca di Medina Sidonia e infine alla corte dei monarchi cattolici .

Si finanzia con il banchiere genovese Francisco de Riberol, la conquista da parte di Alonso Fernández de Lugo della isola di Palma, nel 1492 per questo motivo è stato alla corte, al di fuori Granada, quando i re hanno firmato le Capitolazioni di Santa Fe con Colombo nel. Per il suo primo viaggio in India, Colombo avrebbe portato 500.000 maravedi, capitale che non possedeva personalmente. Anche se non è certo chi l’abbia prestato, la storica Consuelo Varela ha sostenuto che si trattasse probabilmente di Berardi. Quando Colombo tornò da questa spedizione, Berardi fu una delle prime persone che visitò. Il, fu incaricato dalla Corona di costruire una nave per l’ammiraglio, che alla fine divenne una flotta di 17 navi che salparono per l’India su (Il secondo viaggio di Colon). Poco dopo Berardi riceve a casa sua Bartolomé Colombo, fratello dell’ammiraglio, prima di partire per Hispaniola . Nel 1494 i fratelli Colombo inviano a Berardi un nutrito contingente di schiavi con i quali speravano di ottenere grandi vantaggi economici, ma i Re annullarono la vendita per dubbi sulla sua legalità. Nello stesso anno Berardi ricevette la “naturalizzazione” dalla Corona di Castiglia e scrisse un libro di memorie ai Re in cui raccomandava di aprire gli affari delle Indie a un’iniziativa privata invece di limitarla a un monopolio tra Colombo. e la Corona Nel 1495, ricevette dalla Corona l’ordine di armare dodici caravelle per fornire Colombo a Hispaniola. A causa della mancanza di fondi, può equipaggiarne solo quattro, che alla fine vengono messi in mare, mentre Berardi è già deceduto. Tutti e quattro naufragano al largo di Cadice.

Berardi investì e perse molti soldi nelle spedizioni di Colombo, ostinatamente anche quando divenne chiaro che non aveva trovato una scorciatoia per l’Asia. Trascurò le altre sue attività e troncò i rapporti con Nicolini e Lorenzo di Pierfrancesco. Nel suo testamento nel 1495 disse che Colombo gli doveva 180.000 maravedi, quindi lasciò grossi debiti ai suoi partner commerciali. Nel 1512 i suoi eredi dovevano ancora a Vespucci 144.000 maravedi.

———————-

Orchilla è il nome popolare di alcune specie di licheni appartenenti al genere Roccella, piuttosto comuni negli anfratti e nelle rupi costiere delle isole  Canarie. Questi licheni contengono sostanze con proprietà coloranti, come l’acido lecanorico e l’eritrina, in grado di tingere le fibre di origine animale (seta, lana), ma non quelle di origine vegetale (cotone). Per ottenere la tintura è necessario trattare l’orchilla con l’ammoniaca, che in passato si ricavava dall’urina decomposta, operazione che i tintori erano soliti nascondere ai propri clienti. Prima della conquista delle Isole Canarie, l’orchilla era già oggetto di scambio tra i marinai che arrivavano nelle Isole e gli aborigeni delle Canarie, perché era un prodotto molto apprezzato nei mercati europei. All’inizio del XV secolo, Jean de Bethencourt, capo della conquista normanna, rivendicò il monopolio del prezioso lichene, e successivamente lo fecero i Re Cattolici, quando la conquista di Tenerife si concluse nel 1496. L’esportazione dell’orchilla rappresentò un importante fonte di reddito per le Isole Canarie, ma ha gradualmente perso interesse con l’esaurimento delle comunità di licheni, che impiegano molti anni per rigenerarsi, anche se su alcune isole il suo commercio è sopravvissuto marginalmente fino alla fine del XIX secolo. Il mestiere di orchillero era molto pericoloso poiché dovevano appendersi a dirupi e dirupi per raggiungere le migliori colonie di licheni, e molti lo pagarono con la morte. Tutta l’orchilla raccolta nelle Isole Canarie veniva inviata al porto di Santa Cruz de Tenerife, poiché era un prodotto stagnante, cioè il suo commercio era monopolio del Tesoro Reale, che forniva agli orchilleros corde, sacchi e il necessario strumenti per il suo raccolto. Prima di esportarlo nei mercati spagnolo ed europeo, veniva ripulito dai resti vegetali con i quali veniva utilizzato per falsificare per aumentare di peso, compito che era riservato alle donne. Nei periodi di maggiore produzione se ne esportavano circa 75 tonnellate all’anno e un terzo dei profitti andava al Tesoro Reale, che riscuoteva anche il costo delle corde, dei sacchi e degli attrezzi che aveva consegnato agli orchilleros. 

Fin dall’antichità il colore porpora era considerato un segno di distinzione del potere politico ed ecclesiastico, essendo usato in abiti, tappeti, tendaggi o inginocchiatoi. Alcuni storici sostengono che i Fenici, una volta sovrasfruttato nel Mediterraneo il mollusco del genere Murex da cui estraevano la porpora, sarebbero giunti a Lanzarote e Fuerteventura alla ricerca dell’orchilla. Altri studiosi ritengono che siano stati i Romani a colonizzare e popolare le isole con lo scopo di commercializzare l’orchilla, identificando così il nostro arcipelago con le Islas Purpurarias di Plinio.

Orchillero- Museo di Tenerife.

Orchillero-Museos-de-Tenerife

Per tutto il XIV secolo, quando le Isole Canarie furono “riscoperte” dagli europei, numerosi marinai (soprattutto maiorchini) visitarono l’isola, che venivano a commerciare con gli aborigeni (majos), ai quali offrivano ninnoli e cibo in cambio di orchilla, che sta guadagnando una buona reputazione in Europa grazie alla sua alta qualità. Tanto che, per molti studiosi, uno dei motivi principali per cui Jean de Bethencourt avrebbe intrapreso la conquista delle Canarie sarebbe stato proprio quello di subentrare nel commercio delle orchidee, visto che il normanno era proprietario di Grainville-la-Teinturière, un feudo dove possedeva numerose fabbriche dedite all’industria tintoria. Non a caso, una delle prime misure che Bethencourt prese una volta preso il controllo delle isole fu quella di riservare il suo beneficio esclusivo, come citato in “Le Canarien”, la cronaca della Conquista:
Per quanto riguarda l’orchilla, nessuno osa venderla senza il permesso del re e signore del paese. È un grana che ti può portare grandi guadagni.

La%2BOrchilla

Orchilla-pinterest-1024x1024

Poco tempo dopo, anche la Chiesa iniziò a esigere una decima sui licheni, cosa che provocò malcontento tra la popolazione, che nel 1475 si ribellò ai signori di Lanzarote, Inés Peraza e Diego García de Herrera, sostenendo, tra l’altro, che
Prendono le nostre orchidee, che trattiamo sempre e prendiamo come nostre e le vendiamo a chi vogliamo, pagando ai signori il quinto. Da quale orchidea siamo stati riparati per le nostre provviste e il mantenimento di noi stessi e delle nostre mogli e figli. Ed ora i detti Signori ce lo tolgono e se lo attribuiscono.
Questa rivolta si concluse con l’impiccagione dei capobanda, i cui corpi furono gettati nel Barranco de la Horca de Teguise, che da allora ha ricevuto questo nome. Il monopolio dei Signori dell’isola sull’orchilla durò fino all’abolizione delle Signorie con Decreto del 1811.

Tinte-flickr

 

Nonostante ciò, questo lichene è stato uno dei principali prodotti di esportazione di Lanzarote fino al XIX secolo, quando la scoperta di coloranti artificiali e la sostituzione dell’orchilla con altri prodotti come la barrilla e successivamente la cocciniglia ne portarono il declino. Tuttavia, fino alla prima metà del XX secolo, la sua raccolta continuò come attività complementare e marginale, svolta principalmente dai contadini.

Il 1402 è la data che segnò però la conquista dell’arcipelago da parte di Jean de Bethencourt, il quale si impose facilmente su Lanzarote, Fuerteventura, El Hierro e Gomera.

Nel 1483 Gran Canaria venne conquistata dai re cattolici.

Alfonso de Lugo sotto la bandiera spagnola sbarcò a La Palma nel 1493 e fondò la città di Santa Cruz.

Anche Tenerife fu conquistata ma gli spagnoli subirono una sconfitta epocale in una località ancora oggi chiamata la Matanza de Acentejo, anche se poi Tenerife capitolò il 25 luglio 1496.

Il nostro grande navigatore genovese Cristoforo Colombo il 7 settembre 1492 partì dal porto di San Sebastian de la Gomera per le Indie Occidentali, scoprendo invece il Nuovo Mondo.

 

About Bruno Aloi 885 Articoli
Bruno Aloi. Nato a Genova nel 1941, si diploma nel 1960 presso l'Istituto Tecnico Nautico San Giorgio di Genova. Nel 1966 consegue il titolo professionale di Capitano di Lungo Corso. Laureato in Lettere con la tesi "I Liguri nella Gallia meridionale". Molteplici sono i momenti che segnano il percorso di Bruno Aloi, da ufficiale di coperta agli incarichi in diverse specializzazioni formative (corsi di sopravvivenza, mezzi di salvataggio, antincendio di base ed avanzato, corso superiore radar, familiarizzazione navi chimiche, ) fino all'abilitazione a comandante Certificazione S.T.C.W. 1978/95 rilasciato il 28/1/2002. Particolarmente significativa è la sua attività in campo culturale, per un decennio soprintende alla promozione delle grotte di Borgio Verezzi come presidente del Gruppo Grotte Borgio Verezzi. Nell'ambito delle esplorazioni ipogee visita il Marocco, l'Algeria e la Siria su invito del Ministro del Turismo Siriano. Socio onorario dello Speleo Club de l'Aude et de l'Ariège (Francia). In qualità di Presidente dell'Associazione per il Recupero del Genovesato, Bruno Aloi promuove nel 1986 la riapertura dei forti genovesi Sperone e Begato, con eventi di spettacolo, mentre partecipa all'iniziativa "Artisti per il Centro Storico" (1990). Premio Regionale Ligure 1987. Premio "Gente di Mare" 2002. Viareggio. Socio onorario della Società Nazionale di Salvamento. Tra le altre cariche assunte, lo ricordiamo presidente di Al Sham, associazione per le relazioni tra Italia e Siria contibuendo al gemellaggio della città di Genova con la città di Latakia (l'antica Laodicea). Giornalista pubblicista dal 14/6/1989 iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti Roma Tessera N. 170551.. Presidente del Comitato Nazionale per Colombo.

Commenta per primo

Lascia un commento