Fiera Mondiale Colombiana. Chicago. 1893

World's Fair Columbian Exposition

PNP383886 Poster advertising the World's Columbian Exposition, Chicago 1893 (colour litho) by American School, (19th century); Private Collection; (add.info.: Chicago World's Fair, celebrating the 400th anniversary of the arrival of Christopher Columbus in the New World (1492); 'All Nations are Welcome';); Peter Newark Pictures.

La  “World’s Fair Columbian Exposition“, ovvero la Fiera Mondiale Colombiana , venne  inaugurata a Chicago il 1° maggio del  1893    per celebrare i 400 anni dell’arrivo di Cristoforo Colombo nel Nuovo Mondo. Chiuse i battenti il 30 ottobre. All’evento parteciparono  46 Paesi.  Il progetto dell’esposizione fu disegnato dagli architetti John Wellborn Root, Daniel Burnham e Frederick Law Olmsted.

——————————

1893_world_columbian_exposition

—————————-

“TUTTE LE NAZIONI SONO BENVENUTE”. Litografia a colori della American School (19° secolo). Collezione Privata.

Poster pubblicitario dell’Esposizione mondiale colombiana, Chicago 1893.

CHICAGO-COLUMBIAN-EXPOSITION-1893
PNP383886 Poster advertising the World’s Columbian Exposition, Chicago 1893 (colour litho) by American School, (19th century); Private Collection; (add.info.: Chicago World’s Fair, celebrating the 400th anniversary of the arrival of Christopher Columbus in the New World (1492); ‘All Nations are Welcome’;); Peter Newark Pictures.

—————————

Foto dell’EXPO 1893 Chicago dalla Boston Public Library 
EXPO_1893_Chicago__by_Boston_Public_Library

—————————-

La Fiera fu interamente illuminata dalla corrente altenata recentemente  inventata dal fisico Nikola Tesla, fornita  dalla società di George Westinghouse. L’Expo fu il primo grande esperimento per l’utilizzo di tale energia.

Quando l’Esposizione Mondiale di Chicago fu illuminata con 160.000 lampadine utilizzando l’illuminazione fluorescente al neon di Nikola Tesla alimentata dal suo sistema di aria condizionata, fu uno spettacolo che stupì il mondo.ec64c486b3282c50f08ab494f472289a

……………………………….

Da parte di Nikola Tesla nteressante anche la presentazione  dell‘uovo di Colombo”.

L’uovo interamente di rame non presentava ammaccature sul fondo e si teneva dritto perché veniva fatto ruotare costantemente intorno al proprio asse grazie all’azione giroscopica di un campo magnetico rotante.

LUovo-di-Colombo-di-Tesla.-450x347

————————————-

—————————

Fra le attrazioni vi erano anche le riproduzioni in grandezza naturale delle caravelle di Colombo, nate da un progetto congiunto tra Stati Uniti e Spagna. Inoltre si poteva ammirare anche la “Viking”, una fedele riproduzione della nave vichinga di Gokstad, che era salpata da Bergen, in Norvegia, attraversando l’Atlantico, a testimoniare le abilità marinare dei Vichinghi.                                                                                                                       E poi alcune innovazioni tecnologiche come:                                                                                                                                                                                                       – il primo tapis roulant al mondo                                                                                                                                                                                                                               – una macchina da scrivere che componeva testi in Braille, realizzata da Frank Haven Hall                                                                                                             -la prima cucina elettrica, comprendente una lavastoviglie automati                                                                                                                                                         – il “clasp locker”, un sistema anticipatore della cerniera lampo realizzato da Withcomb L. Ju                                                                                                      – lampadine fosforescenti (che hanno anticipato quelle fluorescenti)                                                                                                                                                        – per velocizzare la verniciatura degli edifici della fiera, il pittore e scultore statunitense Francis Davis Millet inventò la vernice spray

—————————

Remaining Artifacts from the White City: The 1893 World’s Columbian Exposition


 

 

————————-

Informazioni su Bruno Aloi 956 Articoli
Bruno Aloi. Nato a Genova nel 1941, si diploma nel 1960 presso l'Istituto Tecnico Nautico San Giorgio di Genova. Nel 1966 consegue il titolo professionale di Capitano di Lungo Corso. Laureato in Lettere con la tesi "I Liguri nella Gallia meridionale". Molteplici sono i momenti che segnano il percorso di Bruno Aloi, da ufficiale di coperta agli incarichi in diverse specializzazioni formative (corsi di sopravvivenza, mezzi di salvataggio, antincendio di base ed avanzato, corso superiore radar, familiarizzazione navi chimiche, ) fino all'abilitazione a comandante Certificazione S.T.C.W. 1978/95 rilasciato il 28/1/2002. Particolarmente significativa è la sua attività in campo culturale, per un decennio soprintende alla promozione delle grotte di Borgio Verezzi come presidente del Gruppo Grotte Borgio Verezzi. Nell'ambito delle esplorazioni ipogee visita il Marocco, l'Algeria e la Siria su invito del Ministro del Turismo Siriano. Socio onorario dello Speleo Club de l'Aude et de l'Ariège (Francia). In qualità di Presidente dell'Associazione per il Recupero del Genovesato, Bruno Aloi promuove nel 1986 la riapertura dei forti genovesi Sperone e Begato, con eventi di spettacolo, mentre partecipa all'iniziativa "Artisti per il Centro Storico" (1990). Premio Regionale Ligure 1987. Premio "Gente di Mare" 2002. Viareggio. Socio onorario della Società Nazionale di Salvamento. Tra le altre cariche assunte, lo ricordiamo presidente di Al Sham, associazione per le relazioni tra Italia e Siria contibuendo al gemellaggio della città di Genova con la città di Latakia (l'antica Laodicea). Giornalista pubblicista dal 14/6/1989 iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti Roma Tessera N. 170551.. Presidente del Comitato Nazionale per Colombo.

Commenta per primo

Lascia un commento