Bolla “Inter Coetera”. Roma. 4 maggio 1493.

Emessa da papa  Alessandro VI (Alessandro Borgia)

Bolla ” Inter  Caetera”  emessa da papa  Alessandro VI il 4 maggio 1493 e indirizzata  ai re cattolici Ferdinando e Isabella.
La bolla papale venne scritta per regolare la contesa territoriale tra Spagna e   Portogallo sorta in seguito al viaggio di scoperta di Cristoforo Colombo.   In questo documento, veniva stabilito che le terre ad ovest di un ipotetico meridiano passante a circa 100 leghe (circa 480 km) dalle isole di Capo Verde e delle Azzorre fossero donate alla Spagna.
———————————-
La bolla “Inter Coetera”  è conservata  nel Registro Vaticano 777 dell’Archivio Segreto Vaticano.  Venne retrodatata al 4 maggio 1493 anche se venne composta e spedita  a fine giugno 1493.
BOLLA-INTER-DOC-DOC-DOC-1024x722
————————————–
Cristoforo Colombo di ritorno dal suo primo viaggio in America in seguito a continue burrasche diede fondo al Restelo di Lisbona il 4 marzo 1493. Il re del Portogallo, Dom João II’ (Giovanni II d’Aviz)   (Lisbona 1455 – Alvor 1495) , gli fece presente che le terre scoperte rientravano di  diritto nella sfera di influenza portoghese come sancito dalla bolla Romanus Pontifex  di Papa Niccolò V dell’ 8 gennaio 1454.     Bolla confermato in seguito  dalla bolla “Aeternis regis clementia” emessa da papa Sisto IV il 21 giugno 1481 che approvava l’accordo firmato il 4 settembre 1479 ad  Alcáçovas  (Portogallo) tra i rappresentanti di Alfonso V di Portogallo e quelli dei re cattolici  che  riconosceva ai portoghesi  tutte le terre situate a sud di una linea orizzontale che partiva da Capo Bojador corrispondente al 20° parallelo nord. 
——————————–
La linea tracciata secondo il Trattato di Alcáçovas evidenziava l’appartenenza delle terre scoperte da Cristoforo Colombo al Portogallo in quanto si trovavano a sud di tale linea.PRIMO-VIAGGIO-DOC-DOC-DOC-1024x564
————————————–
Ferdinando di Castiglia e  Isabella di Aragona, informati delle proteste del re del Portogallo, Dom João II’ inviarono al papa Alessandro VI ,  Alessandro Borgia di nobile famiglia spagnola ed  amico di Ferdinando, la relazione del viaggio, chiedendo aiuto per ottenere diritti sulle terre appena scoperte.  Alessandro VI  immediatamente nei giorni 3 e 4 maggio 1493  promulgò tre Bolle dette “bolle alessandrine” con le quali venivano accolte le richieste dei re cattolici. Di queste tre Bolle due incominciano con le stesse parole Inter Caetera Divinae. La seconda, datata 4 maggio,  conosciuta come “Inter Coetera” risolveva il problema creatosi con il Portogallo. Una  linea immaginaria tracciata da papa Alessandro VI  andava da un polo all’altro passando a 100 leghe di distanza ad ovest (e a sud) delle Isole Azzorre e del Capo Verde e stabiliva che le terre ad occidente di questa linea dovevano appartenere alla Spagna,  mentre le terre ad est della linea  restavano al Portogallo come disposto dalla Bolla Romanus Pontifex.  
—————————————————
La bolla papale favoriva in modo troppo palese il governo spagnolo. 
Per risolvere la contesa il 7 giugno 1494 l’impero spagnolo e l’impero portoghese firmarono il Trattato di Tordesillas concluso presso l’omonima cittadina spagnola.
Il trattato spostava la linea immaginaria di demarcazione dei confini delle rispettive aree di influenza, da 100 a  370 leghe (1 77o km) a Ovest di Capo Verde.
Lo spostamento fu sanzionato definitivamente da papa Giulio II il 24 gennaio 1506 con una nuova bolla  Ea quae pro bono pacis.
Spostando la linea il Brasile scoperto  il 22 aprile del 1500  da Pedro Álvares Cabral cadde nella sfera di influenza portoghese.
————————————-
La situazione sull’Oceano Atlantico in seguito alla bolla “Inter Coetera” ed al Trattato di Tordesillas.
 
BOLLA-INTER-COETERA-E-TORDESILLAS-DOC-DOC-DOC-778x1024
————————-
Testo della Bolla ”  INTER COETERA”  in latino

Alexander episcopus, servus servorum Dei : carissimo in Christo filio Fernando regi, et carissime in Christo filie Elisabeth regine Castelle, Legionis, Aragonum, Sicilie, et Granate, illustribus, salutem et apostolicam benedictionem.

Inter cetera Divine Majestati beneplacita opera et cordis nostri desiderabilia, illud profecto potissimum existit, ut fides Catholica et Christiana religio nostris presertim temporibus exaltetur, ac ubilibet amplietur et dilatetur, animarumque salus procuretur, ac barbare nationes deprimantur et ad fidem ipsam reducantur.

Unde cum ad hanc Sacram Petri Sedem, divina favente clementia, meritis licet imparibus, evocati fuerimus, cognoscentes vos, tanquam veros Catholicos reges et principes, quales semper fuisse novimus, et a vobis preclare gesta toti pene jam orbi notissima demonstrant, nedum id exoptare, sed omni conatu, studio, et diligentia, nullis laboribus, nullis impensis, nullisque parcendo periculis, etiam proprium sanguinem effundendo, efficere, ac omnem animum vestrum omnesque conatus ad hoc jam dudum dedicasse — quemadmodum recuperatio regni Granate a tyrannide Saracenorum hodiernis temporibus per vos, cum tanta Divini Nominis gloria facta, testatur — digne ducimur non immerito, et debemus ilia vobis etiam sponte et favorabiliter concedere, per que hujusmodi sanctum et laudabile ac immortali Deo acceptum propositum in dies ferventiori animo ad ipsius Dei honorem et imperii Christiani propagationem prosequi valeatis.

Sane accepimus quod vos, qui dudum animo proposueratis aliquas insulas et terras firmas, remotas et incognitas ac per alios hactenus non repertas, querere et invenire, ut illarum incolas et habitatores ad colendum Redemptorem nostrum et fidem Catholicam profitendum reduceretis, hactenus in expugnatione et recuperatione ipsius regni Granate plurimum occupati, hujusmodi sanctum et laudabile propositum vestrum ad optatum finem perducere nequivistis ; sed tandem, sicut Domino placuit, regno predicto recuperato, volentes desiderium adimplere vestrum, dilectum filium Cristophorum Colon, virum utique dignum et plurimum commendandum, ac tanto negotio aptum, cum navigiis et hominibus ad similia instructis, non sine maximis laboribus et periculis ac expensis, destinastis, ut terras firmas et insulas remotas et incognitas hujusmodi per mare, ubi hactenus navigatum non fuerat, diligenter inquireret; qui tandem, divino auxilio, facta extrema diligentia, in mari oceano navigantes, certas insulas remotissimas, et etiam terras firmas, que per alios hactenus reperte non fuerant, invenerunt, in quibus quamplurime gentes, pacifice viventes, et, ut asseritur, nudi incedentes, nec carnibus vescentes, inhabitant ; et, ut prefati nuntii vestri possunt opinari, gentes ipse in insulis et terris predictis habitantes credunt unum Deum Creatorem in celis esse, ac ad fidem Catholicam amplexandum et bonis moribus imbuendum satis apti videntur, spesque habetur quod, si erudirentur, nomen Salvatoris, Domini nostri Jhesu Christi, in terris et insulis predictis facile induceretur ; ac prefatus Cristophorus in una ex principalibus insulis predictis jam unam turrim satis munitam, in qua certos Christianos qui secum iverant, in custodiam, et ut alias insulas et terras firmas remotas et incognitas inquirerent, posuit, construi et edificari fecit ; in quibusquidem insulis et terris jam repertis, aurum, aromata, et alie quamplurime res preciose diversi generis et diverse qualitatis reperiuntur.

Unde omnibus diligenter, et presertim fidei Catholice exaltatione et dilatatione, prout decet Catholicos reges et principes, consideratis, more progenitorum vestrorum, clare memorie regum, terras firmas et insulas predictas illarumque incolas et habitatores, vobis, divina favente clementia, subjicere et ad fidem Catholicam reducere proposuistis.

Nos igitur hujusmodi vestrum sanctum et laudabile propositum plurimum in Domino commendantes, ac cupientes ut illud ad debitum finem perducatur, et ipsum nomen Salvatoris nostri in partibus illis inducatur, hortamur vos plurimum in Domino, et per sacri lavacri susceptionem, qua mandatis apostolicis obligati estis, et viscera misericordie Domini nostri Jhesu Christi attente requirimus, ut cum expeditionem hujusmodi omnino prosequi et assumere prona mente orthodoxe fidei zelo intendatis, populos in hujusmodi insulis et terris degentes ad Christianam religionem suscipiendam inducere velitis et debeatis, nec pericula, nec labores ullo unquam tempore vos deterreant, firma spe fiduciaque conceptis, quod Deus Omnipotens conatus vestros feliciter prosequetur.

Et, ut tanti negotii provinciam apostolice gratie largitate donati liberius et audacius assumatis, motu proprio, non ad vestram vel alterius pro vobis super hoc nobis oblate petitionis instanciam, sed de nostra mera liberalitate et ex certa scientia ac de apostolice potestatis plenitudine, omnes insulas et terras firmas inventas et inveniendas, detectas et detegendas versus occidentem et meridiem fabricando et constituendo unam lineam a polo Arctico scilicet septentrione ad polum Antarcticum scilicet meridiem, sive terre firme et insule invente et inveniende sint versus Indiam aut versus aliam quancunque partem, que linea distet a qualibet insularum, que vulgariter nuncupantur de los Azores et Caboverde, centum leucis versus occidentem et meridiem, ita quod omnes insule et terre firme reperte et reperiende, detecte et detegende, a prefata linea versus occidentem et meridiem, per alium regem aut principem Christianum non fuerint actualiter possesse usque ad diem nativitatis domini nostri Jhesu Christi proxime preteritum a quo incipit annus presens millesimus quadringentesimus nonagesimus tertius, quando fuerunt per nuntios et capitaneos vestros invente alique predictarum insularum, auctoritate Omnipotentis Dei nobis in beato Petro concessa, ac vicariatus Jhesu Christi, qua fungimur in terris, cum omnibus illarum dominiis, civitatibus, castris, locis et villis, juribusque et jurisdictionibus ac pertinentiis universis, vobis heredibusque et successoribus vestris, Castelle et Legionis regibus, in perpetuum tenore presentium donamus, concedimus, et assignamus, vosque et heredes ac successores prefatos illarum dominos cum plena, libera, et omnimoda potestate, auctoritate, et jurisdictione, facimus, constituimus, et deputamus ; decernentes nichilominus per hujusmodi donationem, concessionem, et assignationem nostram nulli Christiano principi, qui actualiter prefatas insulas aut terras firmas possederit usque ad predictum diem Nativitatis Domini nostri Jhesu Christi, jus quesitum sublatum intelligi posse aut auferri debere.

Et insuper mandamus vobis in virtute sancte obedientie, ut, sicut etiam pollicemini et non dubitamus pro vestra maxima devotione et regia magnanimitate vos esse facturos, ad terras firmas et insulas predictas viros probos et Deum timentes, doctos, peritos, et expertos, ad instruendum incolas et habitatores prefatos in fide Catholica et bonis moribus imbuendum destinare debeatis, omnem debitam diligentiam in premissis adhibentes, ac quibuscunque personis cujuscunque dignitatis, etiam imperialis et regalis, status, gradus, ordinis, vel conditionis, sub excommunicationis late sententie pena, quam eo ipso si contrafecerint, incurrant, districtius inhibemus, ne ad insulas et terras firmas, inventas et inveniendas, detectas et detegendas versus occidentem et meridiem, fabricando et constituendo lineam a polo Arctico ad polum Antarcticum, sive terre firme et insule invente et inveniende sint versus Indiam aut versus aliam quancunque partem, que linea distet a qualibet insularum, que vulgariter nuncupantur de los Azores et Caboverde, centum leucis versus occidentem et meridiem, ut prefertur, pro mercibus habendis vel quavis alia de causa, accedere presumant absque vestra ac heredum et successorum vestrorum predictorum licentia speciali, non obstantibus constitutionibus et ordinationibus apostolicis, ceterisque contrariis quibuscunque, in Illo a quo imperia et dominationes ac bona cuncta procedunt confidentes, quod, dirigente Domino actus vestros, si hujusmodi sanctum et laudabile propositum prosequamini, brevi tempore, cum felicitate et gloria totius populi Christiani, vestri labores et conatus exitum felicissimum consequentur.

Verum, quia difficile foret presentes litteras ad singula queque loca in quibus expediens fuerit deferri, volumus, ac motu et scientia similibus decernimus, quod illarum transumptis manu publici notarii inde rogati subscriptis, et sigillo alicujus persone in ecclesiastica dignitate constitute, seu curie ecclesiastice munitis, ea prorsus fides in judicio et extra ac alias ubilibet adhibeatur, que presentibus adhiberetur, si essent exhibite vel ostense.

Nulli ergo omnino hominum liceat hanc paginam nostre commendationis, ortationis, requisitionis, donationis, concessionis, assignationis, constitutionis, deputationis, decreti, mandati, inhibitionis, et voluntatis, infringere, vel ei ausu temerario contraire.

Si quis autem hoc attemptare presumpserit, indignationem Omnipotentis Dei ac beatorum Petri et Pauli apostolorum ejus se noverit incursurum.

Datum Rome apud Sanctum Petrum, anno Incarnationis Dominice millesimo quadringentesimo nonagesimo tertio, quarto nonas Maii, pontificatus nostri anno primo.

Gratis de mandato sanctissimi Domini nostri pape.

Jun[io].

Pro r[eferenda]rio, A. DE MUCCIARELLIS

Pro JO. BUF[OLINUS], A. SANTOSEVERINO.

L. PODOCATHARUS.

————————

Testo della Bolla ”  INTER COETERA ” in italiano.

.Alessandro vescovo, servo dei servi di Dio, al nostro amatissimo figlio in Cristo Ferdinando ed alla nostra amatissima figlia in Cristo Isabella, illustri re e regina di Castiglia, León, Aragona, Sicilia e Granada, salute e Apostolica benedizione.

Tra le altre opere gradite alla divina Maestà e da noi auspicate, questa certamente occupa il più alto grado possibile, ossia che la Fede cattolica e la religione cristiana siano innalzate, specialmente nei nostri tempi e diffuse e portate ovunque; che si provveda alla salvezza delle anime e che le nazioni barbare siano sopraffatte e portate alla stessa Fede.

Quando fummo chiamati, col favore della Divina misericordia, a questo Santo Seggio di Pietro, nonostante i nostri meriti insufficienti, sapevamo che voi, da veri principi e re cattolici, come sappiamo che siete sempre stati, e lo dimostrano le vostre nobili azioni ben note ormai a quasi tutto il mondo, non solo aspiravate ardentemente all’opera sopra menzionata, ma vi adoperavate al suo compimento con tutte le vostre forze, con ogni zelo e diligenza, senza risparmiare fatiche, ricchezze e pericoli, e spargendo anche il vostro proprio sangue; e ci era ben noto che a ciò avevate già dedicato tutto il vostro cuore e le vostre fatiche, come ne testimonia recentemente la riconquista del regno di Granada dalla tirannia dei Saraceni, compiuta con tanta gloria per il nome di Dio. Perciò Noi giustamente e non a torto siamo indotti a concedervi, e lo dobbiamo di nostra spontanea volontà e favore, i mezzi, con i quali voi possiate compiere questa vostra santa e lodevole impresa, gradita all’immortale Iddio, con fervore di giorno in giorno più grande, in onore di Dio e per la diffusione della legge cristiana.

Noi siamo stati informati invero che voi intendete ricercare e scoprire delle isole remote e sconosciute e delle terre che non sono state mai scoperte da alcuno così lontano, e condurre i loro abitanti e indigeni alla devozione per il nostro Redentore ed alla professione della fede Cattolica; ma essendo stati fino a quel momento grandemente occupati nella riconquista del detto regno di Granada, non vi era stato possibile realizzare questo santo e lodevole proposito, come avreste desiderato. Ma poi, appena riconquistato il suddetto regno, secondo il volere di Dio, voi avete voluto compiere il vostro desiderio ed avete così inviato il vostro amato figlio Cristoforo Colombo, uomo particolarmente degno ed altamente commendevole, ben adatto a tale impresa, con navi ed uomini esperti, non senza gravi disagi, pericoli e spese, alla ricerca precisa di tali lontane e ignote terre ed isole su un mare non mai solcato prima da alcuno.
2°) Essi navigarono sull’Oceano con l’aiuto di Dio e con la massima diligenza ed infine scoprirono delle lontanissime isole e terre mai esplorate prima da alcuno, nelle quali vivono pacificamente delle genti, che non portano vesti – come riferito – e non mangiano carne. Per quanto i vostri summenzionati inviati poterono giudicare, questi popoli abitanti le suddette isole e terre credono in un Dio-Creatore in Cielo; essi vengono giudicati atti a ricevere la fede cattolica ed i buoni principii, e si può sperare che, qualora fossero istruiti, il nome di Nostro Signore Gesù Cristo potrebbe essere facilmente portato in quelle terre ed isole. Il summenzionato Cristoforo ha già fatto costruire un forte, ben munito, in una delle isole principali e lo ha lasciato in custodia ad alcuni cristiani, suoi compagni, che andassero alla ricerca di isole e continenti ancor più lontani ed ignoti. E nelle isole e terre scoperte si trovano ora spezie e altre cose preziose di vario genere e qualità.

Quindi, dopo aver opportunamente considerata ogni cosa, come si conviene a principi e re cattolici, secondo la consuetudine dei vostri avi, re di nobilissima memoria, voi avete deciso di sottomettere le dette terre ed isole, ed i loro abitanti ed indigeni, col favore della divina clemenza, e di condurli alla fede cattolica.

Noi raccomandiamo con tutto il cuore al Signore tali propositi santi e degni di lode, ed auspichiamo che siano condotti a buon fine, e che il nome del nostro Salvatore sia portato in quelle terre; perciò Noi vi esortiamo sinceramente nel nome del nostro Signore e per il santo Battesimo, che avete ricevuto, ed in virtù del quale dovete obbedire agli ordini Apostolici, e per la grande misericordia di Nostro Signore Gesù Cristo vi ingiungiamo in particolare, poiché intendete realizzare tale impresa con cuore volenteroso e con grande zelo per la fede ortodossa, che vogliate e dobbiate far accettare ai popoli che dimorano in quelle isole e continenti, la religione cristiana, e che nessun pericolo e nessuna fatica vi distolga nella ferma fede e speranza, che l’Onnipotente Iddio dia successo ai vostri sforzi.

Affinché voi possiate intraprendere un’impresa di tale importanza con maggior celerità e sicurezza, dotati largamente del favore Apostolico, noi vi doniamo, concediamo e destiniamo – per nostra propria volontà, non in seguito a vostre richieste od a suppliche presentateci da altri in tal senso a vostro nome, ma esclusivamente per la nostra liberalità, sicura conoscenza e pienezza del potere Apostolico, per l’autorità dell’Onnipotente Iddio conferitaci nella persona di san Pietro, e per il Vicariato di Gesù Cristo che noi assolviamo in terra, tutte le isole e le terre, esplorate o da esplorare, scoperte o da scoprirsi verso occi- dente e verso sud, che si trovano tracciando e stabilendo una linea, che va dal Polo Artico a quello Antartico (ossia dal Polo nord al Polo sud), un centinaio di leghe ad ovest e a sud da quelle isole comunemente chiamate Azzorre e del Capo Verde, indipendentemente dal fatto che tali terre ed isole siano in direzione dell’India o di qualche altro paese; con la clausola tuttavia che queste terre ed isole esplorate o da esplorarsi, scoperte o da scoprire situate ad ovest o a sud di detta linea, non siano appartenute ad alcun altro principe o re cristiano fino al giorno, dalla natività di nostro Signore Gesù Cristo da poco trascorso, in cui inizio questo anno millequattrocento novantatre, quando alcune delle summenzionate isole furono scoperte dai vostri inviati e capitani. Ed in forza del presente documento noi le concediamo in perpetuo con tutti i loro dominii, città, castelli, siti o villaggi e con tutti i privilegi, le giurisdizioni e dipendenze, a voi ed ai vostri eredi e successori, re di Castiglia e León, e noi eleggiamo, investiamo e nominiamo voi, i vostri eredi e i vostri successori, signori di queste terre con pieni, liberi e completi poteri, autorità e giurisdizione. Ma noi decretiamo che non si intendano soppressi od aboliti per questa nostra donazione, concessione e guarentigia, i diritti conclamati di quei principi cristiani, che avessero posseduto quelle isole e terre fino al giorno summenzionato dalla natività di nostro Signore Gesù Cristo.

Inoltre vi ingiungiamo, in virtù della santa obbedienza, di inviare laggiù, come promettete e come senza alcun dubbio farete per la vostra grandissima devozione e regale magnanimità, nelle suddette terre ed isole, degli uomini onesti e timorati di Dio, istruiti, abili e pieni di esperienza, perché istruiscano i nativi e gli abitanti nella fede cristiana ed inculchino loro buoni principii; e di compiere ciò con tutta la dovuta cura. E noi rigorosamente proibiamo a chiunque di qualsiasi dignità, anche imperiale o regia, di qualsiasi stato, rango, ordine o condizione, sotto pena di scomunica “latae sententiae”, nella quale incorrerebbe “ipso facto” in caso di contravvenzione, di recarsi senza licenza speciale vostra o dei vostri eredi e successori, a scopo di commercio o per qualsiasi altra ragione, in quelle isole e terre esplorate o da esplorarsi, scoperte o da scoprirsi verso l’occidente e il sud secondo la linea tracciata o stabilita che dal Polo Artico a quello Antartico corre alla distanza di cento leghe da quelle isole comunemente chiamate Azzorre e del Capo Verde, indipendentemente dal fatto che queste isole e terre scoperte o da scoprirsi, si trovino in direzione dell’India o di altro paese. Tutto questo noi ordiniamo e proibiamo, nonostante le ordinanze, bolle ed altri documenti apostolici in contrario, confidando che, se Quegli, da cui derivano tutti gli imperi e le signorie, dirigerà le vostre azioni e voi compirete questa santa e lodevole impresa, entro breve tempo i vostri sforzi e le vostre fatiche giungeranno a felicissimo risultato per la felicità e la gloria di tutta la cristianità.

Poiché sarebbe arduo inviare tale presente documento in tutti i luoghi in cui sarebbe necessario, noi vogliamo e decretiamo in seguito a simile iniziativa e conoscenza che copie di esso, firmate per mano di un notaio a ciò delegato e provviste del sigillo di persona dotata di dignità o carica ecclesiastica, abbiano lo stesso valore giudizialmente ed extragiudizialmente, e dovunque, come se fossero affisse e pubblicate.

Che nessuno perciò osi infrangere o contravvenire temerariamente a tale strumento della nostra raccomandazione, esortazione, giudizio, donazione, concessione, costituzione, nomina, decreto, divieto e volontà.

Ma se alcuno presumesse di contravvenirvi, sappia che incorrerà nella collera di Dio Onnipotente e dei Suoi Santi Apostoli Pietro e Paolo.

Data a Roma in San Pietro nell’anno millequattrocentonovantatre dell’Incarnazione di nostro Signore, nel quarto giorno prima delle None di maggio, nel primo anno del nostro Pontificato.

——————————————–
About Bruno Aloi 801 Articoli
Bruno Aloi. Nato a Genova nel 1941, si diploma nel 1960 presso l'Istituto Tecnico Nautico San Giorgio di Genova. Nel 1966 consegue il titolo professionale di Capitano di Lungo Corso. Laureato in Lettere con la tesi "I Liguri nella Gallia meridionale". Molteplici sono i momenti che segnano il percorso di Bruno Aloi, da ufficiale di coperta agli incarichi in diverse specializzazioni formative (corsi di sopravvivenza, mezzi di salvataggio, antincendio di base ed avanzato, corso superiore radar, familiarizzazione navi chimiche, ) fino all'abilitazione a comandante Certificazione S.T.C.W. 1978/95 rilasciato il 28/1/2002. Particolarmente significativa è la sua attività in campo culturale, per un decennio soprintende alla promozione delle grotte di Borgio Verezzi come presidente del Gruppo Grotte Borgio Verezzi. Nell'ambito delle esplorazioni ipogee visita il Marocco, l'Algeria e la Siria su invito del Ministro del Turismo Siriano. Socio onorario dello Speleo Club de l'Aude et de l'Ariège (Francia). In qualità di Presidente dell'Associazione per il Recupero del Genovesato, Bruno Aloi promuove nel 1986 la riapertura dei forti genovesi Sperone e Begato, con eventi di spettacolo, mentre partecipa all'iniziativa "Artisti per il Centro Storico" (1990). Premio Regionale Ligure 1987. Premio "Gente di Mare" 2002. Viareggio. Socio onorario della Società Nazionale di Salvamento. Tra le altre cariche assunte, lo ricordiamo presidente di Al Sham, associazione per le relazioni tra Italia e Siria contibuendo al gemellaggio della città di Genova con la città di Latakia (l'antica Laodicea). Giornalista pubblicista dal 14/6/1989 iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti Roma Tessera N. 170551.. Presidente del Comitato Nazionale per Colombo.

Commenta per primo

Lascia un commento