Monumento a Cristoforo Colombo. St. Ann’s Bay, Giamaica. 1958

Monumento a Cristoforo Colombo a St. Ann’s Bay, Giamaica.

Inaugurato il 12 ottobre 1958 in concomitanza con il monumento all’Ammiraglio del Mar Oceano a Pittsburg (USA).  Presidente della cerimonia fu l’on. Dr. Ivan Lloyd, ministro degli Interni,  e il primo ministro, l’On. N.W. Manley oratore ufficiale. L’on.Luke Hart, Supremo Cavaliere di Colombo oratore ospite.Il  discorso principale lo tenne   il contrammiraglio Samuel Eliot Morison, storico ufficiale della Marina degli Stati Uniti la cui opera principale era Cristopher Columbus, mariner (1955).    Il delegato pontificio, mons. Domenico Enrici  impartì la benedizione finale. Il coro dei ragazzi della Cattedrale della Trinità, sotto la direzione del Rev. James Healy, SJ,  cantò l’inno Salve Regina,  inno cantato sulle navi di Colombo quando trovarono la Giamaica.

 ——————————-

Come avvenne la scoperta dell’isola di Giamaica.

Dalle “Historie della vita e de’ fatti dell’Ammiraglio Don Christoforo Colombo” scritto dal figlio Fernando   “Sabato ai  4  di maggio l’Ammiraglio deliberò di traversare da Cuba a Giamaica per non lasciarla indietro senza sapere se era vera la fama del molto oro il quale si affermava in tutte le altre isole essere in quella, e con buon tempo, essendo giunto al mezzo del cammino, la scoperse la seguente domenica. E il lunedì, accostatovisi, diede fondo, e gli parve la più bella di quante nelle Indie aveva già vedute“.  L’isola  chiamata dagli indigeni Xaymaca  “terra del legno e delle fonti” venne  battezzata   isola di Sant’Jago e baia di Santa Gloria (oggi St.Ann’s Bay) dove ancorò la prima volta.

———————–

Il monumento in una vecchia cartolina

Giamaica-St-Annas-1024x654

————————————

Foto di Jermaine Barnaby.21 marzo 2014.

GIAMAICA-Monumento-a-C.Colombo

———————————–

Dalle autorità giamaicane venne chiesta al Comune di Genova una targa bronzea che venne sistemata sulla base in pietra del monumento.   Il  12 ottobre le autorità della Giamaica rivolsero al Sindaco di  Genova un saluto unendosi idealmente alle celebrazioni che si stavano svolgendo a Palazzo Tursi. In concomitanza giunsero anche i saluti dalle autorità di Pittsburg (USA).

La lapide offerta dal Comune di Genova “Giamaica esalta Cristoforo Colombo cittadino genovese che la rivelò  dal mistero dell’Oceano alle genti tutte, Genova madre ricorda l’umile grande figlio che la consapevole audacia protese verso l’estrema conquista riunire i popoli nelle mirabili armonie della fratellanza umana. IL COMUNE DI GENOVA 12 OTTOBRE 1958.

GIAMAICA-TARGA-DI-GENOVA-813x1024

——————————-

 Cronaca locale della giornata celebrativa.

Sua Signoria il Vescovo di Kingston, Mons. John J. McEleney, SJ, DD, e il clero addetto hanno salutato il gruppo del governatore e SE Mons. Domenico Enrici, DD, delegato pontificio e il suo segretario, Monsignor Giovanni Ceirano, che aveva anche avuto una speciale arrivato per la cerimonia. L’On. Dr. Ivan Lloyd, ministro degli Interni, è stato il presidente della cerimonia, e il primo ministro, l’On. N.W. Manley, si è rivolto al pubblico, con l’Onorevole Luke Hart, Supremo Cavaliere di Colombo, come oratore ospite. A tenere il discorso principale è stato il contrammiraglio S.E. Morison, storico ufficiale della Marina degli Stati Uniti.

A rappresentare gli Stati Uniti c’erano il signor Arthur Ring Walt, console generale, il signor Tom Noonan, responsabile delle informazioni, con le loro mogli. Erano presenti anche Ray Bentley, viceconsole per l’Italia; Sig. David Sabio, console per la Spagna; la signora Lenworth; la signora Lenworth Jacobs; e l’On. Wills O. Isaacs, ministro del Commercio e dell’Industria.

La cerimonia dell’alzabandiera è iniziata quando il governatore, Sir Kenneth Blackburne, ha camminato con la polizia in servizio per alzare la Union Jack, mentre la banda militare della Giamaica, sotto la direzione del sergente maggiore Eldon Stewart, ha suonato l’inno nazionale.

L’onorevole signora Lenworth Jacobs ha alzato la bandiera della Federazione delle Indie Occidentali. L’ammiraglio Fenno ha poi donato la bandiera degli Stati Uniti in una bara di legno al signor Ringwall, che ha innalzato Old Glory sulle note dell’inno nazionale americano.

David Sabio, console per la Spagna, e Ray Bentley, vice-console per l’Italia, hanno poi alzato le loro bandiere mentre suonavano gli inni nazionali di quei paesi. Sua Eccellenza Mons. Domenico Enrici ha alzato la bandiera della Santa Sede con al suo fianco i sacerdoti.

Il monumento è stato benedetto dal Rev.mo John J. McEleney. Il dottor Lloyd ha aperto i discorsi dando il benvenuto alle persone riunite “in questa città antica e storica”. Ha detto che lo scopo del loro incontro era quello di dedicare il monumento eretto in onore di Colombo, nel sito della prima capitale spagnola dell’isola, Siviglia.

Il governatore ha detto che desiderava innanzitutto rendere omaggio a coloro che hanno reso possibile l’erezione del memoriale. Riteneva che un elogio speciale fosse dovuto al Comitato per il Monumento a Cristoforo Colombo sotto la presidenza di “quell’illustre giamaicano, l’Onorevole Sir Aldington Curphey”.

Sir Kenneth si rammaricò che Sir Aldington fosse ancora in Inghilterra e non potesse essere presente. Ha inoltre rivolto le sue congratulazioni al Rev. Neil Donahue, SJ, che ha lavorato instancabilmente per vedere completato il progetto del monumento.

Sir Kenneth parlò dell’innalzamento delle bandiere, che indicava le bandiere del Vecchio Mondo e del Nuovo, e degli anni trascorsi per unire i due mondi in felice comunione. Oggi le persone del mondo stavano guardando nello spazio. Colombo non disponeva dell’aiuto di tali dati scientifici, che resero più eroico il suo viaggio attraverso mari inesplorati.

Il primo ministro ha elogiato al pubblico il libro che l’ammiraglio Morison aveva scritto sull’uomo il cui monumento era stato appena dedicato. Parlando della scoperta della Giamaica, in un momento in cui il morale era basso nei cuori degli uomini a bordo della flotta di Colombo, Manley ha detto che era l’alba di una nuova storia.

Manley ha detto di sapere che la Jamaica Historical Society, con l’assistenza dell’Istituto della Giamaica, stava progettando di erigere un museo vicino al monumento che avrebbe conservato le reliquie della prima vita indiana e le mostre spagnole del XVI secolo.

A nome del governo della Giamaica ha augurato il successo del progetto, sperando che si trovino abbastanza soldi senza attingere alle casse del governo.
L’onorevole Luke Hart ha parlato della formazione del movimento 75 anni fa e di come si fosse ora diffuso in tutti i territori americani fino ad abbracciare oltre 1.000.000 di membri. Il loro obiettivo era vivere secondo i principi dell’uomo di cui portavano il nome, ha affermato il signor Hart. Si sono sforzati di sostenere la dignità, la democrazia e il cristianesimo e di fare tutto il bene che potevano per il loro paese e la sua gente.

Gli uomini stavano ora cercando di raggiungere la luna e, in alcuni casi, cercavano di raggiungerla per motivi di potere, in modo da poter governare il mondo e i loro simili.

Colombo aveva deciso di scoprire nuove terre con un concetto completamente diverso. Non aveva cercato il potere, ma era ispirato dal desiderio di portare alla Chiesa cristiana più terre in cui diffondere il proprio Vangelo. “Ha portato la buona notizia di Gesù Cristo”, ha detto Hart, “e tra cinque secoli e più gli uomini si riuniranno ancora per onorarlo”.
L’ammiraglio Morison disse quanto fosse appropriato erigere un monumento a Colombo in quel particolare punto di Siviglia, perché era qui che lo scopritore della Giamaica aveva trascorso un anno. Non c’erano dubbi sulla posizione e gli storici avevano capito che St Ann’s Bay era l’ideale per gli scopi di Colombo.

L’ammiraglio Morison disse che non riusciva a capire perché i marinai spagnoli fossero così impotenti nel procurarsi cibo e altre comodità. Naufraghi di altre nazionalità si erano costruiti barche con legni autoctoni, ma gli spagnoli sembravano completamente impotenti sotto questo aspetto.

Eppure c’era un lato oscuro, perché nessuna spiegazione poteva eludere e nessuna scusa poteva mitigare la crudeltà coinvolta nella conquista spagnola, ha detto l’Ammiraglio. Anche di questo Colombo deve portare la sua parte di colpa. “L’uomo bianco ha davvero molto di cui rispondere nella sua conquista del Nuovo Mondo. Ma, a mio avviso, il bene che ha compiuto finora ha superato il male che ha commesso, tanto da renderci orgogliosi dei suoi risultati, ha aggiunto.

La diffusione dei popoli di lingua inglese in tutto il Nord America, a sud del Rio Grande e nelle isole delle Indie occidentali avvenne dopo Cristoforo Colombo. “Le Indie vennero dopo Colombo. Gli inglesi portarono i loro ideali e la pratica della libertà sotto la legge, il più grande vantaggio dell’umanità dopo il cristianesimo; e hanno anche portato le proprie interpretazioni del cristianesimo, che molti degli angoli successivi hanno abbracciato”, ha detto l’ammiraglio Morison.

Concludendo, ha affermato: “Tutto ciò che apprezziamo nella vita moderna, la libertà secondo la legge, il governo rappresentativo, la democrazia, la libertà di religione, la libertà di scegliere la propria carriera o occupazione”.

Il delegato pontificio, mons. Domenico Enrici, ha impartito la benedizione finale. La targa sul monumento in pietra, tradotta, recita: “La Giamaica esalta Cristoforo Colombo, cittadino di Genova, per aver svelato il mistero dell’armonia della fratellanza umana.  Madre Genova ricorda con grande umiltà il suo illustre figlio che con sapiente coraggio allargò gli orizzonti della vera conquista per unire in tutto il genere umano tutti i popoli nel meraviglioso oceano. La città di Genova, 12 ottobre 1958.” Questo è stato presentato al popolo giamaicano dal sindaco e dai cittadini di Genova. Italia, in occasione della dedicazione.

—————————

 

 

 

 
 

 

Informazioni su Bruno Aloi 965 Articoli
Bruno Aloi. Nato a Genova nel 1941, si diploma nel 1960 presso l'Istituto Tecnico Nautico San Giorgio di Genova. Nel 1966 consegue il titolo professionale di Capitano di Lungo Corso. Laureato in Lettere con la tesi "I Liguri nella Gallia meridionale". Molteplici sono i momenti che segnano il percorso di Bruno Aloi, da ufficiale di coperta agli incarichi in diverse specializzazioni formative (corsi di sopravvivenza, mezzi di salvataggio, antincendio di base ed avanzato, corso superiore radar, familiarizzazione navi chimiche, ) fino all'abilitazione a comandante Certificazione S.T.C.W. 1978/95 rilasciato il 28/1/2002. Particolarmente significativa è la sua attività in campo culturale, per un decennio soprintende alla promozione delle grotte di Borgio Verezzi come presidente del Gruppo Grotte Borgio Verezzi. Nell'ambito delle esplorazioni ipogee visita il Marocco, l'Algeria e la Siria su invito del Ministro del Turismo Siriano. Socio onorario dello Speleo Club de l'Aude et de l'Ariège (Francia). In qualità di Presidente dell'Associazione per il Recupero del Genovesato, Bruno Aloi promuove nel 1986 la riapertura dei forti genovesi Sperone e Begato, con eventi di spettacolo, mentre partecipa all'iniziativa "Artisti per il Centro Storico" (1990). Premio Regionale Ligure 1987. Premio "Gente di Mare" 2002. Viareggio. Socio onorario della Società Nazionale di Salvamento. Tra le altre cariche assunte, lo ricordiamo presidente di Al Sham, associazione per le relazioni tra Italia e Siria contibuendo al gemellaggio della città di Genova con la città di Latakia (l'antica Laodicea). Giornalista pubblicista dal 14/6/1989 iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti Roma Tessera N. 170551.. Presidente del Comitato Nazionale per Colombo.

Commenta per primo

Lascia un commento