Eugène Devéria.”La réception de Christophe Colomb par Ferdinand II d’Aragon et Isabelle de Castille”

La réception de Christophe Colomb par Ferdinand II d’Aragon et Isabelle de Castille.

pittore francese Eugène François Marie Joseph Devéria (Paris 1805- Pau 1865).
“La réception de Christophe Colomb par Ferdinand II d’Aragon et Isabelle de Castille”.
Olio su tela. Al Musée Bargoin di Clermont-Ferrand.

Eugene-DEVERIA-350x450
La réception de Christophe Colomb par Ferdinand II d’Aragon et Isabelle de Castille.

Eugène François Marie Joseph espose per la prima volta al “Salon” del 1824, esposizione periodica di pittura e scultura, che si svolse al Louvre di Parigi, con cadenza biennale fino al 1863 ed annuale in seguito, dal XVII al XIX secolo. Raggiunse il successo nel 1827, con il quadro “La Naissance de Henri IV”.

Viene considerato come uno dei principali promotori del movimento romantico francese nella pittura con Eugène Delacroix e Louis Boulanger.  

Eugene-DEVERIA-350x450  Eugène-François-Marie-Joseph-Devéria
Eugène François Marie Joseph Devéria
About Bruno Aloi 280 Articoli
Nato a Genova nel 1941, si diploma Istituto tecnico Nautico. Divenuto capitano di lungo corso (1966), è laureato in Lettere. Molteplici sono i momenti che segnano il percorso di Bruno Aloi, da ufficiale di coperta agli incarichi in diverse specializzazioni formative fino all'abilitazione a comandante nel 2002. Particolarmente significativa è la sua attività in campo culturale, per un decennio soprintende alla promozione delle grotte di Borgio Verezzi e nell'ambito delle esplorazioni geografiche visita il Marocco, l'Algeria e la Siria. In qualità di Presidente dell'Associazione per il Recupero del Genovesato, Bruno Aloi promuove la riapertura dei forti genovesi Sperone e Begato, con eventi di spettacolo, mentre partecipa all'iniziativa "Artisti per il Centro Storico" (1990). Tra le altre cariche assunte, lo ricordiamo presidente di Al Sham, associazione per le relazioni tra Italia e Siria e presidente del Comitato Nazionale per Colombo.

Commenta per primo

Lascia un commento