Rapallo. Monumento a Cristoforo Colombo. 1914.

Opera dello scultore Arturo Dresco (Buenos Ayres 1875- Buenos Ayres 1961)

Statua bronzea di Cristoforo Colombo a Rapallo.

Monumento di Cristoforo Colombo  in piazza Guglielmo Marconi a Rapallo. La statua bronzea  posta su un basamento di granito rosso di Baveno è opera dello scultore Arturo Dresco (Buenos Ayres 1875 – Buenos Ayres 1961) che all’epoca operava a Firenze. .         

Rapallo-intero-828x1024
Statua bronzea di Cristoforo Colombo a Rapallo.

Nel luglio del 1909 la direzione del settimanale  rapallino “Il Mare”  lanciò l’idea di erigere un monumento a Cristoforo Colombo  a Rapallo facendo appello agli emigrati  “affinchè  vogliano costruire fra di loro un Comitato per lo scopo di affrettare l’erezione di un monumento a Cristoforo Colombo lo scopritore del Mondo nel quale essi hanno saputo così degnamente distinguersi e per il debito di riconoscenza che essi devono al grande Navigatore”.

Rapallo-intero-828x1024  RAPALlo-Arturo-Dresco-1875-1961
Lo scultore Arturo Dresco

 Il monumento costò complessivamente lire 71.380,37.  Soldi raccolti a Rapallo ma anche e soprattutto ad Iquique (Perù), Guayaquil (Ecuador), Valparaiso, Concepción e Santiago (Cile),  Buenos Ayres (Argentina).

Il 21 maggio 1914 Tomaso di Savoia, Duca di Genova, inaugurava il monumento alla presenza degli ammiragli Giovanni Bettolo e Felice Napoleone Canevaro, autorità civili e militari e grande partecipazione popolare

 

 

Rapallo-intero-828x1024  RAPALlo-Arturo-Dresco-1875-1961  RAPALLO-C.C.-particolare-allegorico-doc
Particolare allegorico del basamento. La Fede che stende la mano verso il navigatore Cristoforo Colombo  e la Storia che segna sul libro la data della scoperta.
Rapallo-intero-828x1024  RAPALlo-Arturo-Dresco-1875-1961  RAPALLO-C.C.-particolare-allegorico-doc  RAPALLO-DOC-monumento-pulito-1024x689
La colonna con la scritta “A Cristoforo Colombo i Reduci dall’America 1914”. Alla base le figure allegoriche, a destra la Fede che stende la mano sul navigatore; a sinistra l’Ignoranza che tiene sotto di sè il Mondo e la Prigionia con le braccia incatenate.
Rapallo-intero-828x1024  RAPALlo-Arturo-Dresco-1875-1961  RAPALLO-C.C.-particolare-allegorico-doc  RAPALLO-DOC-monumento-pulito-1024x689  RAPALLO-Nettuno
Figura allegorica del dio Nettuno con in mano il tridente, posta a sinistra del basamento di granito. Sullo sfondo la Prigionia con le braccia incatenate e l’Ignoranza che tiene sotto di se il Mondo.

 

Rapallo-intero-828x1024  RAPALlo-Arturo-Dresco-1875-1961  RAPALLO-C.C.-particolare-allegorico-doc  RAPALLO-DOC-monumento-pulito-1024x689  RAPALLO-Nettuno  RAPALLO-DOC-lapide-del-2014
Rapallo. Lapide posta il 12 ottobre 2014,  in occasione della celebrazione del centenario dell’inaugurazione monumento.

 

About Bruno Aloi 397 Articoli
Nato a Genova nel 1941, si diploma nel 1960 presso l'Istituto Tecnico Nautico San Giorgio di Genova. Nel 1966 consegue il titolo professionale di Capitano di Lungo Corso. Laureato in Lettere con la tesi "I Liguri nella Gallia meridionale". Molteplici sono i momenti che segnano il percorso di Bruno Aloi, da ufficiale di coperta agli incarichi in diverse specializzazioni formative (corsi di sopravvivenza, mezzi di salvataggio, antincendio di base ed avanzato, corso superiore radar, familiarizzazione navi chimiche, ) fino all'abilitazione a comandante Certificazione S.T.C.W. 1978/95 rilasciato il 28/1/2002. Particolarmente significativa è la sua attività in campo culturale, per un decennio soprintende alla promozione delle grotte di Borgio Verezzi come presidente del Gruppo Grotte Borgio Verezzi. Nell'ambito delle esplorazioni ipogee visita il Marocco, l'Algeria e la Siria su invito del Ministro del Turismo Siriano. Socio onorario dello Speleo Club de l'Aude et de l'Ariège (Francia). In qualità di Presidente dell'Associazione per il Recupero del Genovesato, Bruno Aloi promuove nel 1986 la riapertura dei forti genovesi Sperone e Begato, con eventi di spettacolo, mentre partecipa all'iniziativa "Artisti per il Centro Storico" (1990). Premio Regionale Ligure 1987. Socio onorario della Società Nazionale di Salvamento. Tra le altre cariche assunte, lo ricordiamo presidente di Al Sham, associazione per le relazioni tra Italia e Siria contibuendo al gemellaggio della città di Genova con la città di Latakia (l'antica Laodicea). Giornalista pubblicista dal 14/6/1989 iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti Roma Tessera N. 170551.. Presidente del Comitato Nazionale per Colombo.

Commenta per primo

Lascia un commento