Biagio Molinaro. “Cristoforo Colombo accolto da fra Giovanni Perez, priore di S. Maria della Rabida”. 1864.

Biagio Molinaro (Trani 1825 – Napoli 1868).

Olio su tela di cm 118 x 164.

“Cristoforo Colombo accolto da fra Giovanni Perez, priore di S. Maria della Rabida in Ispagna”. 1864.

Viene rappresentato un noto episodio della vita di Cristofo­ro Colombo che illustra il suo progetto di spedizione oltremare a padre Juan Perez, priore del Convento di S. Maria della Rabida a Palos.  Sulla destra del quadro il figlioletto Diego viene amorevolmente ristorato con acqua e pane da un monaco.

COLOMBO-ARTE-MOLINARO-Biagio-di-Trani-450x320
Biagio Molinaro. “Colombo alla Rabida”. 1864. Alla Pinacoteca Città Metropolitana di Bari.

Biagio Molinaro  iniziò molto giovane a coltivare interesse per la pittura. Ebbe come maestri Costanzo Angelini e Michele De Napoli.

Negli anni Quaranta frequentò l’Istituto di Belle Arti di Napoli. Soggiornò a Roma nel 1854 venendo in contatto con l’ambiente degli artisti inglesi della cerchia di John Ruskin.

Nel 1855  espose presso il Real Museo borbonico “La schiavitù degli Israeliti in Egitto”  dipinto col quale ottenne la medaglia d’oro. Nel 1861 fu fra i fondatori della Società promotrice di belle arti di Napoli.Nel 1863 realizzò il sipario per il teatro di Trani raffigurando “I consoli veneziani che nel 1063 offrono gli statuti marittimi alla città di Trani” commissionato per l’ottavo centenario dell’avvenimento.

Nel 1864 espose alla Società Promotrice di Belle Arti di Napoli  il quadro in questione “Cristoforo Colombo accolto da Giovanni Perez, priore di Santa Maria della Rabida in Ispagna“. Quadro che si trova attualmente al Museo e Pinacoteca d’Arte Medievale e Moderna della Città Metropolitana di Bari “Corrado Giaquinto”, proveniente dal deposito del Museo Nazionale di Capodimonte di Napoli.

COLOMBO-ARTE-MOLINARO-Biagio-di-Trani-450x320  AB-BAri-pinacoteca
Pinacoteca d’Arte Medievale e Moderna della Città Metropolitana di Bari “Corrado Giaquinto”

La Pinacoteca provinciale venne  istituita nel 1928. Il patrimonio venne costituito dai dipinti della Pinacoteca annessa al Museo Archeologico Provinciale sorto nel 1875, da altri dipinti ceduti a titolo di deposito da chiese e conventi pugliesi, e da  opere ottenute in deposito dalle Gallerie Nazionali di Napoli e di Roma. Sino  al 1936 la Pinacoteca fu ospitata nel Palazzo del Governo e poi trasferita nell’attuale Palazzo della Città Metropolitana (ex Provincia), eretto su progetto dell’ingegnere Luigi Baffa. Dal 2002 è intitolata al pittore pugliese Corrado Giaquinto (Molfetta 1703- Napoli 1766).

 

 

About Bruno Aloi 482 Articoli
Bruno Aloi. Nato a Genova nel 1941, si diploma nel 1960 presso l'Istituto Tecnico Nautico San Giorgio di Genova. Nel 1966 consegue il titolo professionale di Capitano di Lungo Corso. Laureato in Lettere con la tesi "I Liguri nella Gallia meridionale". Molteplici sono i momenti che segnano il percorso di Bruno Aloi, da ufficiale di coperta agli incarichi in diverse specializzazioni formative (corsi di sopravvivenza, mezzi di salvataggio, antincendio di base ed avanzato, corso superiore radar, familiarizzazione navi chimiche, ) fino all'abilitazione a comandante Certificazione S.T.C.W. 1978/95 rilasciato il 28/1/2002. Particolarmente significativa è la sua attività in campo culturale, per un decennio soprintende alla promozione delle grotte di Borgio Verezzi come presidente del Gruppo Grotte Borgio Verezzi. Nell'ambito delle esplorazioni ipogee visita il Marocco, l'Algeria e la Siria su invito del Ministro del Turismo Siriano. Socio onorario dello Speleo Club de l'Aude et de l'Ariège (Francia). In qualità di Presidente dell'Associazione per il Recupero del Genovesato, Bruno Aloi promuove nel 1986 la riapertura dei forti genovesi Sperone e Begato, con eventi di spettacolo, mentre partecipa all'iniziativa "Artisti per il Centro Storico" (1990). Premio Regionale Ligure 1987. Premio "Gente di Mare" 2002. Viareggio. Socio onorario della Società Nazionale di Salvamento. Tra le altre cariche assunte, lo ricordiamo presidente di Al Sham, associazione per le relazioni tra Italia e Siria contibuendo al gemellaggio della città di Genova con la città di Latakia (l'antica Laodicea). Giornalista pubblicista dal 14/6/1989 iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti Roma Tessera N. 170551.. Presidente del Comitato Nazionale per Colombo.

Commenta per primo

Lascia un commento