Christoph Columbus – Germania 1923

Regia:   Márton Garas (sotto il nome di Martin Garas) ungherese

Fotografia: Stephan Eiben, Eugen Hamm,

Direttori di fotografia: Max Greene, Karl Attenberger

Direttori artistici : Bela Malnay, Alfred Columbus

Lingua: tedesco

Formato: Documentario bianco e nero, muto

Genere: storico

Luoghi di ripresa: Travemünde, Schleswig-Holstein (Germania)

Produzione :  Film-Handel GmbH (Berlin)

Direttore di produzione:  Max Margulies

Lunghezza:  2478 metri

Formato: 35 mm

Cast:

  • Albert Bassermann               (Cristoforo Colombo)
  • Else Bassermann                  (Beatriz de Arana),
  • Franz Szechy                       (il figlio Diego)
  • Ernst Stahl-Nachbaur           (il duca di Medicaceli)
  • Carola Toelle                       (Maria, figlia del duca)
  • Emerich Pethes                    ( re Ferdinando II il cattolico)
  • Tamara Duvan                      (regina Isabella)
  • Ludwig Rethey                     (priore della Rabida)
  • Arpad Odry

Critica:

da Filmmuseum Berlin   “…Tuttavia, entrambi gli attori ricevettero un rimprovero dal critico Fritz Olimsky: Albert Bassermann perché recitava con troppo pathos e Else Bassermann troppo incolore e  in ombra sullo schermo”

 

Albert-Bassermann          Albert-Bassermann  Albert_Bassermann

Albert Bassermann               (Cristoforo Colombo)

 

Albert-Bassermann  Albert_Bassermann  Carola-Toelle

Carola Toelle   (Maria, figlia del duca di Medinaceli)

About Bruno Aloi 265 Articoli
Nato a Genova nel 1941, si diploma Istituto tecnico Nautico. Divenuto capitano di lungo corso (1966), è laureato in Lettere. Molteplici sono i momenti che segnano il percorso di Bruno Aloi, da ufficiale di coperta agli incarichi in diverse specializzazioni formative fino all'abilitazione a comandante nel 2002. Particolarmente significativa è la sua attività in campo culturale, per un decennio soprintende alla promozione delle grotte di Borgio Verezzi e nell'ambito delle esplorazioni geografiche visita il Marocco, l'Algeria e la Siria. In qualità di Presidente dell'Associazione per il Recupero del Genovesato, Bruno Aloi promuove la riapertura dei forti genovesi Sperone e Begato, con eventi di spettacolo, mentre partecipa all'iniziativa "Artisti per il Centro Storico" (1990). Tra le altre cariche assunte, lo ricordiamo presidente di Al Sham, associazione per le relazioni tra Italia e Siria e presidente del Comitato Nazionale per Colombo.

Commenta per primo

Lascia un commento