British Museum di Londra – In mostra una stampa del 1540 appartenuta a Ferdinando Colombo

In mostra al British Museum di Londra.

Una stampa lunga oltre sette metri, appartenuta a Ferdinando , figlio illegittimo, poi legittimato, di Cristoforo Colombo, definita come uno dei migliori esempi di incisioni di epoca rinascimentale.

La stampa è stata messa in mostra dal British Museum che, anche se la possiede da circa cento anni, non aveva finora trovato gli spazi per esibirla.

Risalente al 1540, era stata realizzata per l’imperatore Carlo V e raffigura l’albero genealogico della casa Asburgo dalla quale il regnante spagnolo discendeva.

L’incisione è l’elemento più prezioso della collezione di Ferdinando Colombo, la più grande collezione di stampe di epoca rinascimentale.

Circa la metà di essa è nelle mani del British Museum di Londra, che ora vi dedica una mostra.

Tra le altre incisioni vi è inoltre la piu’ antica stampa raffigurante una battaglia navale e la prima mappa stampata  d’Europa.

Nonostante Cristoforo Colombo non avesse mai sposato la madre di Ferdinando, il giovane fu allevato ed educato presso la corte spagnola, diventò un rappresentante diplomatico in Europa ed ereditò una considerevole somma di denaro dal padre.

Appassionato d’arte e di cultura, durante la sua vita Ferdinando mise in piedi la grande collezione di stampe, nonché una biblioteca da 15.000 volumi, la piu’ grande biblioteca privata dell’Europa del tempo.(ANSA).

About Bruno Aloi 784 Articoli
Bruno Aloi. Nato a Genova nel 1941, si diploma nel 1960 presso l'Istituto Tecnico Nautico San Giorgio di Genova. Nel 1966 consegue il titolo professionale di Capitano di Lungo Corso. Laureato in Lettere con la tesi "I Liguri nella Gallia meridionale". Molteplici sono i momenti che segnano il percorso di Bruno Aloi, da ufficiale di coperta agli incarichi in diverse specializzazioni formative (corsi di sopravvivenza, mezzi di salvataggio, antincendio di base ed avanzato, corso superiore radar, familiarizzazione navi chimiche, ) fino all'abilitazione a comandante Certificazione S.T.C.W. 1978/95 rilasciato il 28/1/2002. Particolarmente significativa è la sua attività in campo culturale, per un decennio soprintende alla promozione delle grotte di Borgio Verezzi come presidente del Gruppo Grotte Borgio Verezzi. Nell'ambito delle esplorazioni ipogee visita il Marocco, l'Algeria e la Siria su invito del Ministro del Turismo Siriano. Socio onorario dello Speleo Club de l'Aude et de l'Ariège (Francia). In qualità di Presidente dell'Associazione per il Recupero del Genovesato, Bruno Aloi promuove nel 1986 la riapertura dei forti genovesi Sperone e Begato, con eventi di spettacolo, mentre partecipa all'iniziativa "Artisti per il Centro Storico" (1990). Premio Regionale Ligure 1987. Premio "Gente di Mare" 2002. Viareggio. Socio onorario della Società Nazionale di Salvamento. Tra le altre cariche assunte, lo ricordiamo presidente di Al Sham, associazione per le relazioni tra Italia e Siria contibuendo al gemellaggio della città di Genova con la città di Latakia (l'antica Laodicea). Giornalista pubblicista dal 14/6/1989 iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti Roma Tessera N. 170551.. Presidente del Comitato Nazionale per Colombo.

Commenta per primo

Lascia un commento