Albino de Canepa. “Carta da navigare”, 1480. Carta nautica del XV° secolo.

Cartoteca della Società Geografica Italiana. Roma.

ALBINO DE CANEPA "CARTA DA NAVIGARE", 1489. Carta nautica del XV° secolo conservata nel Minnesota.
Albino de Canepa. “Carta da navigare”, 1480.
Carta nautica del XV° secolo di scuola genovese, manoscritta su pergamena.
Dimensioni cm. 122×60.
La “Carta da navigare”  è conservata presso la Cartoteca della Società Geografica Italiana a Roma.
Società-Geografica-Italiana-Roma.-Sala-di-Lettura-Elio-Migliorini
Società Geografica Italiana, Roma. Sala di Lettura ‘Elio Migliorini’
 
Di Albino de Canepa  le uniche notizie si trovano sul collo della pergamena che riporta la data di marzo del 1480, il nome dell’autore e il luogo di esecuzione, cioè Genova:
“ALBINUS DE CHANEPA CIVIS JANUE COMPOSUIT HANC CARTAM ANNO DOMINI MCCCCLXXX DE MENSE MARCIJ IN JANUA”
 
La carta manca del lembo laterale destro dove la carta era fissata ad un’asta sulla quale si usava avvolgere e legare quel tipo di documenti per evitare piegature e altro.
 Vi sono rappresentati il Mediterraneo, il Mar Nero, le coste africane sull’Oceano Atlantico con diverse isole reali e immaginarie, il Mar del Nord ed il Mar Baltico.
 Le coste baltiche e scandinave sono approssimative, indice di poca dimestichezza per quei mari, e l’Irlanda ha dimensioni esagerate.  
 In Atlantico si trovano isole immaginarie come Saluagia, Antillia, Roillo, l’Insula de Brazil (collocata a ovest dell’Irlanda), le Insule fortunatae Sancti Brandani, e le cosidette false Azzorre (che al tempo erano note a portoghesi e genovesi)  perché posizionate erroneamente con una seconda “insula de Brazil“.
Società-Geografica-Italiana-Roma.-Sala-di-Lettura-Elio-Migliorini  CARTE-NAUTICHE-ALBINO-DE-CANEPA-1024x859
ALBINO DE CANEPA “CARTA DA NAVIGARE”, 1480. Carta nautica del XV° secolo conservata presso la Cartoteca della Società  Geografica Italiana a Roma.

Albino de Canepa. Seconda carta nautica, 1489.

Di una seconda carta, esposta e descritta a fine Ottocento dall’Uzielli a da Amat di San Filippo, si erano perse le tracce. Probabilmente trafugata o  presumibilmente venduta a un collezionista. Attualmente appartiene alla James Ford Bell Library  di Minneapolis, stato del Minnesota, Usa.

Società-Geografica-Italiana-Roma.-Sala-di-Lettura-Elio-Migliorini  CARTE-NAUTICHE-ALBINO-DE-CANEPA-1024x859  James-Ford-Bell-Library.-University-of-Minnesota
James Ford Bell Library di Minneapolis. University of Minnesota

Si compone di due pelli incollate al centro ed è datata 1489, secondo quanto si legge nella descrizione che ne offre quella Biblioteca nel suo sito, mettendola a disposizione degli studiosi. Le due carte sono molto simili e in ottimo stato di conservazione, sebbene l’esemplare di Roma sia monco del lembo laterale destro,

Società-Geografica-Italiana-Roma.-Sala-di-Lettura-Elio-Migliorini  CARTE-NAUTICHE-ALBINO-DE-CANEPA-1024x859  James-Ford-Bell-Library.-University-of-Minnesota  CARTE-NAUTICHE-ALBINO-DE-CANEPA-1489
   Seconda Carta di Albino de Canepa, datata 1489. Attualmente alla James Ford Bell Library di Minneapolis, Stato del Minnesota (USA).

 

 

 

 

About Bruno Aloi 426 Articoli
Nato a Genova nel 1941, si diploma nel 1960 presso l'Istituto Tecnico Nautico San Giorgio di Genova. Nel 1966 consegue il titolo professionale di Capitano di Lungo Corso. Laureato in Lettere con la tesi "I Liguri nella Gallia meridionale". Molteplici sono i momenti che segnano il percorso di Bruno Aloi, da ufficiale di coperta agli incarichi in diverse specializzazioni formative (corsi di sopravvivenza, mezzi di salvataggio, antincendio di base ed avanzato, corso superiore radar, familiarizzazione navi chimiche, ) fino all'abilitazione a comandante Certificazione S.T.C.W. 1978/95 rilasciato il 28/1/2002. Particolarmente significativa è la sua attività in campo culturale, per un decennio soprintende alla promozione delle grotte di Borgio Verezzi come presidente del Gruppo Grotte Borgio Verezzi. Nell'ambito delle esplorazioni ipogee visita il Marocco, l'Algeria e la Siria su invito del Ministro del Turismo Siriano. Socio onorario dello Speleo Club de l'Aude et de l'Ariège (Francia). In qualità di Presidente dell'Associazione per il Recupero del Genovesato, Bruno Aloi promuove nel 1986 la riapertura dei forti genovesi Sperone e Begato, con eventi di spettacolo, mentre partecipa all'iniziativa "Artisti per il Centro Storico" (1990). Premio Regionale Ligure 1987. Socio onorario della Società Nazionale di Salvamento. Tra le altre cariche assunte, lo ricordiamo presidente di Al Sham, associazione per le relazioni tra Italia e Siria contibuendo al gemellaggio della città di Genova con la città di Latakia (l'antica Laodicea). Giornalista pubblicista dal 14/6/1989 iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti Roma Tessera N. 170551.. Presidente del Comitato Nazionale per Colombo.

Commenta per primo

Lascia un commento