Raimundo de Madrazo y Garreta. “Recibimiento de Colón por los Reyes Católicos”.

Presso la sede di New York della Italian Charities of America.

Pittore spagnolo Raimundo de Madrazo y Garreta (Roma 1841- Versailles 1920).

“Recibimiento de Colón por los Reyes Católicos”( Ricevimento di Colombo da parte dei Re Cattolici). 

Il dipinto conserva l’originale cornice veneziana dell’azienda Zennaro Pasquale. Le misure della tela incorniciata sono 4,11 x 6 metri.

La morte colse Raimundo de Madrazo y Garreta quando mancavano solo alcuni piccoli dettagli per completare  l’opera.

Nel 1927 la vedova,  María Hahn, donò il dipinto alla Cooper  Union  for the Advancement of Science and Art di New York, che lo tenne  25 anni.

Nell’ottobre del 1952 venne donato alla Italian Charities of America di New York, una istituzione fondata nel 1936  e dove è conservato ancora oggi. 

Raimundo-de-Madrazo-y-Garreta-1841-1920-ultra-DOC-1024x781
Raimundo de Madrazo y Garreta. “Il ritorno di Colombo alla corte di Spagna”.

Particolare del dipinto che rappresenta la storica cerimonia avvenuta il 4 aprile 1493 nella Sala del Tinell del Palazzo dei Conti di Barcellona al rientro di Cristoforo Colombo dal viaggio alle Indie..

Sopra la testa dell’Ammiraglio del Mar Oceano  la figura alata della Vittoria che tiene tra le mani una corona.

Raimundo-de-Madrazo-y-Garreta-1841-1920-ultra-DOC-1024x781  Raimundo-de-Madrazo-y-garreta-1841-1920-doc-820x1024
particolare

Raimundo de Madrazo y Garreta con la seconda moglie, la venezuelana  María Hahn,  nella loro residenza- atelier di Versailles. Da una foto del 1910 tratta dall’Archivio fotográfico Comunidad de Madrid.

Raimundo-de-Madrazo-y-Garreta-1841-1920-ultra-DOC-1024x781  Raimundo-de-Madrazo-y-garreta-1841-1920-doc-820x1024  Raimundo-foto-doc
Raimundo de Madrazo e la moglie María Hahn.
About Bruno Aloi 362 Articoli
Nato a Genova nel 1941, si diploma nel 1960 presso l'Istituto Tecnico Nautico San Giorgio di Genova. Nel 1966 consegue il titolo professionale di Capitano di Lungo Corso. Laureato in Lettere con la tesi "I Liguri nella Gallia meridionale". Molteplici sono i momenti che segnano il percorso di Bruno Aloi, da ufficiale di coperta agli incarichi in diverse specializzazioni formative (corsi di sopravvivenza, mezzi di salvataggio, antincendio, corso superiore radar) fino all'abilitazione a comandante nel 2002. Particolarmente significativa è la sua attività in campo culturale, per un decennio soprintende alla promozione delle grotte di Borgio Verezzi e nell'ambito delle esplorazioni geografiche visita il Marocco, l'Algeria e la Siria su invito del Ministro del Turismo Siriano. Socio onorario dello Speleo Club de l'Aude et de l'Ariège (Francia). In qualità di Presidente dell'Associazione per il Recupero del Genovesato, Bruno Aloi promuove nel 1986 la riapertura dei forti genovesi Sperone e Begato, con eventi di spettacolo, mentre partecipa all'iniziativa "Artisti per il Centro Storico" (1990). Socio onorario della Società Nazionale di Salvamento. Tra le altre cariche assunte, lo ricordiamo presidente di Al Sham, associazione per le relazioni tra Italia e Siria contibuendo al gemellaggio della città di Genova con la città di Latakia (l'antica Laodicea). Presidente del Comitato Nazionale per Colombo.