Il Credito Italiano per i 500 anni di Colombo. Genova.

Monumento dello scultore Sauro Cavallini, 1992.

Credito Italiano

Il Credito Italiano per i 500 anni di Colombo. 

“Monumento a Colombo”, bronzo di 6 metri d’altezza, opera dello scultore Sauro Cavallini, in via Antonio Cecchi a Genova. 

Il monumento bronzeo venne posizionato nel 1992 , anniversario della scoperta dell’America, in occasione di Expo ’92.  

Scritta sulla parte frontale: “La nave umana salpò e raggiunse la grande terra”.

Il nome dello scultore appare sul retro della scultura: “Cavallini, 1992”. 

Sauro Cavallini (La Spezia 1927  – Fiesole 2016).

Tra le sue opere :  1963 opera bronzea “Ritratto di Konrad Adenauer” sistemata nel Palazzo del Governo di Bonn;  nel 1968 opera bronzea “Volo di gabbiani” posta   davanti alla nuova sede RAI TV di Firenze; nel 1992   opera bronzea “Monumento alla danza” posta nei giardini del Principato di Monaco in località Fontvieille. 

 

 

CREDITO-ITALIANO-Monumento-1-DOC
Il Credito Italiano per i 500 anni di Colombo.
CREDITO-ITALIANO-Monumento-1-DOC  CREDITO-ITALIANO-DOC-scritta-ridotta
La nave umana salpò e raggiunse la grande terra.
CREDITO-ITALIANO-Monumento-1-DOC  CREDITO-ITALIANO-DOC-scritta-ridotta  CREDITO-ITALIANO-grande
Particolare del monumento 
CREDITO-ITALIANO-Monumento-1-DOC  CREDITO-ITALIANO-DOC-scritta-ridotta  CREDITO-ITALIANO-grande  CREDITO-ITALIANO-Il-Credito-x-i-500-DOC
Il Credito Italiano per i 500 anni di Colombo.
CREDITO-ITALIANO-Monumento-1-DOC  CREDITO-ITALIANO-DOC-scritta-ridotta  CREDITO-ITALIANO-grande  CREDITO-ITALIANO-Il-Credito-x-i-500-DOC  CREDITO-ITALIANO-scultore-Cavallini-1992
Scritta “Scultore Cavallini, 1992”, sul retro della scultura.
About Bruno Aloi 267 Articoli
Nato a Genova nel 1941, si diploma Istituto tecnico Nautico. Divenuto capitano di lungo corso (1966), è laureato in Lettere. Molteplici sono i momenti che segnano il percorso di Bruno Aloi, da ufficiale di coperta agli incarichi in diverse specializzazioni formative fino all'abilitazione a comandante nel 2002. Particolarmente significativa è la sua attività in campo culturale, per un decennio soprintende alla promozione delle grotte di Borgio Verezzi e nell'ambito delle esplorazioni geografiche visita il Marocco, l'Algeria e la Siria. In qualità di Presidente dell'Associazione per il Recupero del Genovesato, Bruno Aloi promuove la riapertura dei forti genovesi Sperone e Begato, con eventi di spettacolo, mentre partecipa all'iniziativa "Artisti per il Centro Storico" (1990). Tra le altre cariche assunte, lo ricordiamo presidente di Al Sham, associazione per le relazioni tra Italia e Siria e presidente del Comitato Nazionale per Colombo.

Commenta per primo

Lascia un commento